The Matt Project, fenomenologia del power pop

Il quarto disco di The Matt Project, tra rock eighties e funk

The Matt Project
Disco
pop
The Matt Project
Overnight
autoproduzione
2020

Fenomenologia del power pop. Etica ed estetica di un genere che genere non è. In tre parole: The Matt Project. Ovvero, Jury Magliolo (voce, basso, tastiere), Carlo Poddighe (voce, chitarre) e Matteo Breoni (batteria). Al traguardo (mica da poco) del disco numero quattro con Overnight, distillato in dieci tracce di pura attitudine eighties, in bilico tra martellanti aspirazioni rock e sapide sfumature black-funk. Le coordinate? Prince, Michael Jackson, Sly & the Family Stone, Mark Ronson e Artic Monkeys.

A mettere le carte in tavola ci pensano i diretti interessati. Anche se al felice quadretto viene da aggiungere, facendo qualche passo di lato rispetto ai santi protettori dichiarati alla dogana, gli inevitabili Steely Dan, i T Rex dell'epifania glam, l'altro Ronson, Mick (via Bowie), i Fleetwood Mac di Rumors (ma per assonanza chitarristica pure quegli altri che preferivano di gran lunga il blues), l'Electric Light Orchestra, Todd Rungren, i Police, gli Stones più sculettanti e un pizzico di buon vecchio garage. Parecchia roba, insomma. Frullata e compressa dentro un sound dritto, compatto, affilato macinando chilometri di palchi (quando ancora i palchi si poteva macinarli davanti alla gente), perfettamente a fuoco nonostante l'eterogeneo campionario di agganci e rimandi.

C'è già tutto (o quasi) nel brano che dà il titolo al disco, piazzato in apertura a mo' di dichiarazione d'intenti: riff micidiale a prenderti per il collo, batteria pastosa, atmosfera viziosamente notturna, coretti ruffiani. Si parte. “Talking About” sterza di brutto verso i Settanta; “Dancing in the Fire” arriva trafelata dalla Memphis dei Big Star con un disco dei Queen periodo calzamaglia sotto il braccio (Sheer Heart Attack o A Day at the Races, fate voi); “Smiling” profuma sensualmente di Manhattan; “Something About You” è un calcione negli stinchi assestato con il ghigno di chi la sa lunga. Ma è con “Running from the Beast”, la spettacolare “Morning” (Prince, Prince e ancora Prince!) e “Real Deal” che viene fuori l'anima black del trio, che sullo slancio chiude il cerchio con l'irresistibile “New York City”, congedo e apice di una scaletta elettrizzante.

Che rende pienamente giustizia alle miracolose sei corde di Poddighe, strumentista dotato di una duttilità e di una capacità di stare dentro la musica più uniche che rare, a una sezione ritmica implacabile e all'esplicita intenzione di preservare l'impatto live, riducendo al minimo l'editing e affidandosi al tepore dell'analogico. «Non siamo mai stati grandi fan di virtuosismi e sofisticazioni forzate: le imperfezioni ci fanno sentire vivi». Missione compiuta.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Moor Mother, appunti per un'enciclopedia nera

Nel nuovo album Black Encyclopedia of the Air Moor Mother mescola poesia, rap e afrofuturismo

Alberto Campo
pop

Low, un capolavoro tira l'altro

In Hey What i Low perfezionano la formula sperimentata nel precedente Double Negative

Alberto Campo
pop

L'apocalisse di The Bug

Fire segna il ritorno di The Bug, nel segno di una distopia contemporanea tra dancehall, dubstep e noise

Ennio Bruno