La California in chiaroscuro di Jessica Pratt

Here in the Pitch della cantautrice statunitense è un anacronistico gioiellino pop

Jessica Pratt
Disco
pop
Jessica Pratt
Here in the Pitch
City Slang
2024

Scriveva quasi mezzo secolo fa Greil Marcus in Mystery Train: «Non c’è modo di separare la sorridente libertà dei Beach Boys dal coltello di Manson». Affermazione che torna in mente scrutando le premesse a Here in the Pitch, nuovo album della 37enne Jessica Pratt, il cui cammino artistico procede – per sua stessa ammissione – avendo Pet Sounds quale “stella polare”, mentre al capo opposto incombe “il lato oscuro del Sogno Californiano”, esplorato di recente e rappresentato appunto dalla sanguinaria Family dell’“Anticristo hippie”.

Scorrono su quel fondale in mezz’ora scarsa i nove brani del disco, quarto in una serie avviata nel 2012 registrando in cameretta canzoni fatte soltanto di voce e chitarra acustica. Nella circostanza la dotazione strumentale è molto più articolata e include fiati, archi, sezione ritmica, glockenspiel e addirittura un mellotron.

Benché definito dall’autrice “false flag”, l’episodio iniziale – “Life Is” – vale a chiarirne le intenzioni: l’ambientazione dal gusto vintage, tipo i girls group della scuderia Spector, la melodia intonata su un registro fragile, alla Karen Dalton, e un alone di smarrimento esistenziale (“La vita non è mai come pensi che sia e sembra che io non riesca a farla funzionare”) generano un’atmosfera da Mulholland Drive.

C’è dunque qualcosa del manierismo postmoderno di David Lynch fra le pieghe di questo lavoro – precisa il titolo – immerso “nella pece”.

Più di Julee Cruise, chanteuse prediletta dal regista statunitense, sono tuttavia altri i modelli femminili che informano la personalità dell’artista californiana, dichiarata ammiratrice delle donne attirate nell’orbita della Factory di Warhol (“Edie Sedgwick, Candy Darling e ovviamente Nico”) e d’altra parte influenzata – per banali ragioni geografiche – dall’eco persistente della mitologia del Laurel Canyon, evidente in particolare durante “World on a String”, ballata brumosa aperta dalla ferita del tradimento (“Lei ha il mondo in pugno, almeno nel momento in cui arriva qui, ed è durato appena un po’, nient’altro che un luccichio sulla marea”).

Un senso di perdita aleggia anche su “Nowhere It Was”, quando la voce regna sovrana, esasperando la dimensione intimista: “Mi dicono che sai dove le cose sono andate storte e dopo il tuo incantesimo non ho fatto che sognare le tue autostrade”.

Altrove la cifra poetica tende invece all’allegoria: “Antigene, alba astrale e ladri al crepuscolo nella pioggia”, la si ascolta cantare – accompagnata dal pianoforte – con profondità timbriche alla Marianne Faithfull nel mesto paesaggio impressionista di “Empires Never Know”.

Parla d’“innocenza malvagia” poi “By Hook or Crook”, evocativo a parole (“Un gesto affidato alla memoria dell’estate, l’autunno è venuto a cercarlo ed ecco di nuovo la fine dei sogni”) e seducente nello svolgimento dal vago sapore “tropicalista”, garantito dalle percussioni di Mauro Refosco: caratterizzazione che ritroviamo pure in “Get Your Head Out”, zuppo di saudade (“Continuo a tornare a ciò che ho lasciato alle spalle”).

A rischiarare il panorama emotivo giunge, all’epilogo, “The Last Year”: “Credo che andrà bene, penso che saremo insieme e la trama proseguirà all’infinito”, annuncia la protagonista con tono finalmente rasserenato e portamento leggiadro, sostenuta da un arrangiamento essenziale.

All’apparenza piccino, Here in the Pitch è in realtà un gran disco: come una versione stilizzata dello spleen da Ocean Boulevard di Lana Del Rey.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

L’epitaffio discografico di Steve Albini

To All Trains degli Shellac è uscito dieci giorni dopo la morte del fondatore

Alberto Campo
pop

Il sofferto esordio solista di Beth Gibbons

In Lives Outgrown la voce dei Portishead mette in musica il suo bilancio esistenziale

Alberto Campo
pop

Musica per i medici di Gaza

Una splendida compilation per l'italiana Love Boat supporta l'organizzazione MAP (Medical Aid for Palestinians)

Ennio Bruno