Ipocondrie e canzoni in dialetto

Il bel progetto di Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro, per Squilibri

Disco
world
Canio Loguercio e Alessandro D’Alessandro
Canti, ballate e ipocondrie d’ammore
Squilibri
2017

Canio Loguercio è un nome noto a chi frequenta la canzone in dialetto meno scontata: lucano ma napoletano di adozione, scrive e canta in una lingua napoletana poetica e ironica tutta sua, personalissima (anche a un orecchio nordico e non allenato) e insieme carica di echi del folk revival, della grande tradizione partenopea, del teatro – echi che la sua voce sussurrata e ruvida trasporta in una sorta di non-luogo della canzone.

Alessandro D’Alessandro, con Piccola Orchestra La Viola e Orchestra Bottoni soprattutto, sta scrivendo da ormai qualche anno la storia della nuova generazione dell’organetto italiano, quella dei nati negli anni Ottanta, che stanno rivoluzionando lo strumento e portandolo verso nuove possibilità espressive.

Insieme hanno confezionato un disco di canzoni, acustiche (chitarra e organetto) nella genesi e nella pratica dal vivo, che fissate nella registrazione hanno raccolto sedimenti di collaborazioni varie, fra cui le voci di Maria Pia De Vito, Erica Boschiero, Peppe Servillo e Rocco Papaleo, e la partecipazione – ben riconoscibile – di Giuseppe “Spedino” Moffa, Rocco De Rosa, Stefano Saletti, Nando Citarella e Pino Pecorelli – fra gli altri, finendo spesso per incrostarsi qui e là di suoni nuovi, elettrici, elettronici...

Di Canti, ballate e ipocondrie d’ammore, alla fine, colpisce la capacità di immaginare una canzone in dialetto sintonizzata sull’oggi, capace di parlare una lingua personale e intima tanto nelle parole quanto nei suoni. Non che sia una novità nella canzone italiana, naturalmente: ma la distanza siderale – tanto nei testi, quanto nelle musiche, quanto nella “confezione” complessiva del progetto – da ogni cliché “tradizionale”, mediterraneo o terzomondista è davvero un valore aggiunto, se si guarda a quello che succede intorno.

La confezione in forma di libro – specialità della casa editrice/etichetta romana Squi[libri] – aggiunge una quarta dimensione al lavoro, raccogliendo commenti e scritti, e include anche un dvd con le “video-ballate” di Antonello Marrazzo, strani esempi di video(clip)-arte.

Un bellissimo progetto, con gli sviluppi più interessanti sintetizzati nella bonus track/“esperimento” che chiude il disco, l’alternate take elettrico-elettronica di “Ballata dell’ipocondria o del vibrione innamorato”… Un punto di partenza per il futuro?

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

L'afrofuturismo giamaicano di groundsound

Un esaltante progetto musicale fra riddim spoken poetry per ridefinire la percezione della Giamaica

Ennio Bruno
world

In volo con i Khruangbin

A la Sala è il nuovo album del trio “globalista” texano Khruangbin

Alberto Campo
world

L'organetto totale di Pierpaolo Vacca

Esordio su disco per l'organettista Pierpaolo Vacca, dalle tradizioni sarde al mondo

Guido Festinese