Brahms al violoncello

Francesco Dillon e Emanuele Torquati alle prese con le trascrizioni per violoncello e pianoforte di Johannes Brahms

Francesco Dillon / Emanuele Torquati
Disco
classica
Francesco Dillon / Emanuele Torquati
Johannes Brahms, Cello Transcriptions
Brilliant
2018

Quando si parla di Johannes Brahms, la trascrizione non è un qualcosa di estraneo o artificioso. Non solo infatti il musicista tedesco è stato autore di numerose trascrizioni – di materiale proprio o altrui, Bach ad esempio – ma permise anche a colleghi di sua fiducia di trascrivere i suoi lavori.

È questo il caso delle trascrizioni per violoncello e pianoforte raccolte in questo splendido disco della Brilliant per le esecuzioni di Francesco Dillon e Emanuele Torquati.
La Sonata in Re Maggiore Op. 78 per violino e pianoforte è stata trascritta da Paul Klengel (stretto collaboratore di Fritz Simrock, lo storico editore di Brahms), Sei Lieder da Norbert Salter, le Nove Danze Ungheresi Op. 21 dal più famoso violoncellista del tempo, Alfredo Piatti.

Come raccontato puntualmente nel booklet del cd, tutti i tre trascrittori sono, per una ragione o l’altra, strettamente legati al pensiero brahmsiano e in molti casi (seppure non ne abbiamo una conferma certa) l’atto della trascrizione è anche qualcosa di più di un mero esercizio, come per la Sonata Op. 78, composizione intimamente legata alla melodia del Regenlied e quindi alla figura di Clara Schumann. Che la melodia passi dal violino al più scuro violoncello fornisce al pezzo un’ulteriore malinconica qualità. 

Dillon e Torquati leggono questo Brahms con l’intelligenza e la sensibilità che già gli conoscevamo: essere interpreti con una spiccata attitudine contemporanea consente loro di misurare al meglio gli equilibri, facendo emergere gli aspetti più inquieti e in parte anche visionari del romanticismo brahmsiano. Si evitano sottolineature eccessive senza perdere, anzi, in efficacia emozionale, lasciando che queste pagine lascino filtrare sia lo spirito da cui provenivano che la luce verso cui sarebbero andate. Molto bello.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Le metamorfosi del sax contemporaneo

Marina Notaro è protagonista di Maschere, un disco dedicato alla dimensione solista del sassofono riletta da nove compositori italiani

Alessandro Rigolli
classica

Il capolavoro ritrovato

Il monumentale Requiem di Bruno Maderna del 1946 risplende in un prezioso cd Stradiuvarius che documenta la prima assoluta alla Fenice di Venezia del 2009 diretta da Andrea Molino

Paolo Carradori
classica

Il vero e il verosimile

Raffaele Pe e La lira di Orfeo propongono la costruzione indiziaria di una presunta “Versione Senesino” della serenata Aci, Galatea e Polifemo di Händel

Marco Beghelli