PODCAST | Early Music Stories #22

L’importanza delle stamperie di Anversa per la diffusione della musica rinascimentale

Paul Van Nevel e Huelgas Ensemble durante la prova nella Chiesa di San Paolo di Anversa (foto di Paolo Scarnecchia)
Paul Van Nevel e Huelgas Ensemble durante la prova nella Chiesa di San Paolo di Anversa (foto di Paolo Scarnecchia)
Articolo
classica

Le fonti musicali utilizzate per la gran parte dei concerti presentati nel corso del festival Laus Polyphoniae sono state quelle delle raccolte stampate a cavallo tra il XVI e il XVII secolo dai più importanti copisti e tipografi attivi ad Anversa, come Susato, Phalesius, Bellerus e Plantijn.

Paul Van Nevel ha selezionato una varietà di chanson, madrigali e musiche strumentali da alcune di queste antologie per realizzare il programma del secondo concerto del suo Huelgas Ensemble, dopo quello inaugurale del festival dedicato ai cantori e compositori attivi nella Cattedrale della città delle Fiandre.

In questo podcast dopo una breve presentazione di Van Nevel dei contenuti di queste fonti, registrata durante la prova generale insieme ad alcuni passaggi delle musiche presentate successivamente nel programma del concerto, Antonio Chemotti docente dell’Università di Lovanio e ricercatore presso la Fondazione Alamire ha approfondito l’argomento sottolineando l’importanza dell’attività di questi stampatori anche riguardo la circolazione dei madrigali italiani nel Nord Europa.

 

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Formazione da cineasta, lunga esperienza nella prosa, Jacopo Gassman ci parla del suo debutto bolognese alla regia del Macbeth di Verdi

classica

Al Bunduqiyya - Il Concerto perduto

classica

Intervista a Luigi Nannetti direttore artistico del Pontedera Music Festival