PODCAST | Early Music Stories #19

L’usignolo, l’amore e la libertà nelle chanson di una antologia stampata ad Anversa

Blue Heron e Paul O'Dette durante la prova generale (foto di Paolo Scarnecchia)
Blue Heron e Paul O'Dette durante la prova generale (foto di Paolo Scarnecchia)
Articolo
classica

Nel corso del festival Laus Polyphoniae, la ricchissima vita musicale di Anversa tra il XV e il XVI è stata evocata attraverso numerosi concerti e tra i gruppi che hanno partecipato all’edizione del 2023 intitolata “Antwerpen Townscape – Soundscape” c’è anche l’ensemble statunitense Blue Heron diretto da Scott Metcalfe che ha presentato due concerti.


Il primo è stato dedicato prevalentemente alla musica sacra di Johannes Ockeghem, mentre il secondo a una serie di chanson di diversi autori contenute nella antologia Le rossignol musical des chansons stampata ad Anversa nel 1597 da Pierre Phalèse junior.


Seguendo l’ispirazione suggerita dal titolo di questa raccolta Scott Metcalfe ne ha selezionate una serie per mostrare le differenti declinazioni musicali del sentimento amoroso, come racconta in questa breve intervista.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

A trecento anni dalla prima esecuzione, Arte Concert propone l’unica opera di Charpentier nell’allestimento di David McVicar all'Opéra Garnier, con il mezzosoprano Lea Desandre.

classica

Al via le iscrizioni ai corsi estivi di Alto Perfezionamento Musicale dell’Accademia Chigiana, a Siena dal 4 luglio al 2 settembre 2024

classica

Sulle tracce del giovane Corelli