Il jazz italiano per le terre del sisma

Dal 31 agosto al 3 settembre a Scheggino, Camerino, Amatrice e L'Aquila

News
jazz

Anche nel 2017 il jazz italiano – attraverso le sigle I-Jazz, MIDJ e la Casa del Jazz – si mobilita a favore delle zone del nostro paese colpite dal terremoto. Dopo l'edizione del 2015 del Jazz Italiano per l'Aquila (l'avevamo raccontata QUI), che aveva mobilitato centinaia di artisti, e l'edizione 2016 trasformata in fretta e furia, a causa del terremoto del 24 agosto, in Jazz Italiano per Amatrice, l'edizione 2017 si intitola ora Jazz Italiano per le Terre del Sisma, e coinvolge quattro città, in quattro date dal 31 agosto al 3 settembre: il 31 agosto a Scheggino (PG), il 1 settembre a Camerino (MC), il 2 settembre ad Amatrice (RI), e per finire il 3 settembre a L’Aquila.

Sono oltre 700 i musicisti coinvolti: fra gli scopi dell'iniziativa, c'è anche la costruzione del Centro Polifunzionale di Amatrice, in collaborazione con Io Ci Sono Onlus. La manifestazione è promossa da MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dal Comune dell’Aquila-Comitato Perdonanza, ed è sostenuta dalla SIAE, main sponsor.

"il giornale della musica" è media partner di Jazz Italiano per le Terre del Sisma

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

Addio al musicista americano, fondatore della AACM

jazz

Fino al 12 dicembre ParmaJazz, il festival diretto da Roberto Bonati