Una pantera per Ariadne

L’opera di Richard Strauss fagocitata dal rifacimento di Sven-Eric Bechtolf

Recensione
classica
Salzburg Festival (Festival di Salisburgo) Salzburg
Richard Strauss
29 Luglio 2012
La versione creata per il Festival di Salisburgo dal regista Sven-Eric Bechtolf assembla "Il borghese gentiluomo", con le musiche di scena di Richard Strauss e la sua "Ariadne auf Naxos" (prima versione, 1912) e mette in scena anche Hofmannsthal in persona che flirta con la sua corrispondente epistolare, la vedova Ottonie von Degenfeld-Schonburg (la brava Regina Fritsch). In questa amicizia amorosa il regista vede un doppio traslato: l’amore di Dorante per Dorimène e l’abbandono di Ariadne “risolto” da Bacchus. Il trasporre la relazione Hofmannsthal-Ottonie può essere rischioso: ma siamo a teatro, nella finzione, e non si chiede plausibilità. L’unico non invitato, tuttavia, pare proprio Strauss. L’idea è buona, e ci si diverte, anche se c’è davvero troppo di tutto. Ciò da un lato rischia di confondere lo spettatore (era necessario far mimare a Ottonie le mosse di Ariadne?), dall’altro risulta pedante (la sfilata di tutti i personaggi di Hofmannsthal). La prima parte, recitata, funziona bene, ma distoglie le energie dall’opera, che finisce per essere fagocitata dall’invenzione di Bechtolf (con Hofmannsthal, naturalmente, quasi sempre in scena, anche nella seconda parte). È un peccato perché c’è un cast di voci di tutto rispetto, perfettamente equilibrato: la suprema Elena Mosuc è esattamente la frizzante Zerbinetta che si desidera, Emily Magee il suo perfetto contraltare, Jonas Kaufmann, panterato, il Bacco che tutte vorremmo ci venisse a tirar fuori dalla caverna. Daniel Harding a suo agio nell’interpretazione dell’opera. Scene essenziali, pulite, ma efficaci (niente pacchianerie, isole, etc), meritano una nota gli eleganti costumi di Marianne Glittenberg. L'opera si rivedrà a Vienna nel dicembre 2012

Note: Una coproduzione con la Wiener Staatsoper. In onda su 3sat e UNITEL classica il 5 agosto alle 20.15

Interpreti: Emily Magee, Elena Mosuc, Eva Liebau, Marie-Claude Chappuis, Eleonora Buratto, Jonas Kaufmann, Roberto Saccà, Gabriel Bermúdez, Michael Laurenz, Tobias Kehrer, Martin Mitterrutzner, Peter Matic, Cornelius Obonya, Thomas Frank, Michael Rotschopf, Regina Fritsch, Stefanie Dvorak

Regia: Sven-Eric Bechtolf

Scene: Rolf Glittenberg

Costumi: Marianne Glittenberg

Coreografo: Heinz Spoerli

Orchestra: Wiener Philharmoniker

Direttore: Daniel Harding

Luci: Juergen Hoffmann

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Oper Frankfurt presenta una nuova edizione della problematica opera straussiana del 1942

classica

Al Regio di Parma l'inaugurazione della stagione lirica con un Rigoletto dedicato ai 50 anni di carriera del baritono

classica

Al Teatro Real una versione di Bohème quasi metateatrale, per la regia di Richard Jones