Silla il dittatore

Mozart a Basilea con la regia di Neuenfels

Recensione
classica
Theater Basel
Wolfgang Amadeus Mozart
19 Settembre 2017
Lucio Silla, la terza, e fin’allora - 1772 - più ambiziosa opera italiana di Mozart (che vi profonde recitativi obbligati e varianti allo schema dell’Aria dal segno, oltre che costruirvi un magnifico finale di 1° atto), va in scena a Basilea in una rilettura che, al di là dei piccoli tagli, s’ingegna a ridisporre i numeri: oltre a dislocare i tre movimenti dell’ouverture lungo l’opera (per mantenere una traccia della scansione in tre atti), inizia con le scene in cui campeggia il ‘dittatore’ Silla, motore tormentato delle peripezie altrui. Neuenfels non lesina segni scenico-visivi: in un simil-pantheon, sui cui muri inquietano buie aperture, una torre si schiude su una rossa vagina alla Anish Kapoor, mentre inizialmente si fa ammirare un quadro un po’ Böcklin un po’ pre-raffaellita, e un’aquila-gufo aleggia sul proscenio simbolo di potere e di mistero mortifero; i costumi alludono a tutte queste epoche e a quella della composizione, riservando al coro nel finale una maschera che sintetizza quella carnevalesca veneziana e il muso di una furia-uccellaccio. Non si rifiata, insomma, anche se il solito horror vacui di azioni genera nelle arie qualche forzatura (Silla e Cecilio qua e là in deliquio), come pure buone idee. La compagnia di canto è giovane, paga spesso dazio nell’italiano dei recitativi secchi, ma mostra buoni numeri: solidissima e ben rifinita Hailey Clark (Cinna); Kristina Stanek era annunciata in condizioni precarie, ma se l’è poi ben cavata; Hila Fahima (Giunia) sciorina mezzi vocali (proiezione del suono perfetta) ed espressivi assai notevoli, con qualche tic emendabile; lodevole Jussi Myllys (Lucio Silla), bene Sarah Brady (Clelia) e Matthew Swensen (Aufidio). Benissimo, per proprietà di stile e varietà di colori, la Sinfonieorchester Basel diretta da Erik Nielsen.

Interpreti: Lucio Silla, Jussi Myllys Giunia, Hila Fahima Cecilio, Kristina Stanek Cinna, Hailey Clark Clelia, Sarah Brady Aufidio, Matthew Swensen Due mimi mascherati, Mirjam Karvat, Mukdanin Daniel Phongpachith Coro del Theater Basel, naestro del coro Michael Clark Sinfonieorchester Basel

Direttore: Erik Nielsen

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli

classica

Firenze: Sonnambula tra gli sciatori