La sinuosità di Wagner

Bologna: a cent'anni dalla prima italiana il "Parsifal" di Roberto Abbado e Castellucci

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna Bologna
Richard Wagner
14 Gennaio 2014
Abbandonarsi ai sinuosi avvitamenti del serpente albino – presenza polivalente, capace di attraversare i tre atti di "Parsifal" e offrire mimeticamente il proprio simbolo a un ventaglio di suggestioni e possibili interpretazioni – è suggerimento che viene dallo stesso Romeo Castellucci. Idea da accogliere quando ci si fa ascoltatori di quel flusso musicale di coscienza che dalla penna di Wagner passa alla bacchetta di un Roberto Abbado che ne rivela i respiri ed esalta la solennità, trovando, nell’ottimo cast, che predilige un’ampiezza di sfumature al canto stentoreo, i solidi punti d’appoggio nella salda continuità del Parsifal di Andrew Richards, nell’intensità della Kundry di Anna Larsson, nell’eleganza dell’Amfortas di Detlef Roth e nella gravitas del Gurnemanz di Gábor Bretz. Bologna pone così il miglior suggello all'anno dedicato a Verdi e Wagner, aperto dal "Macbeth" di Bob Wilson e chiuso ora da un altro splendido allestimento, debutto (ma è solo l’inizio) nel repertorio operistico per Romeo Castellucci, che trova in Wagner terreno fertile per ribadire in più sedi l’affinità elettiva con l’immaginario del mito. È quanto si coglie con una drammaturgia che preferisce l’evocazione all’azione, e che Castellucci rilancia attraverso un continuo rimando di allegorie, mai piegate alla volontà naturalmente ingombrante del testo wagneriano, e pur mai impertinente o sovrastante: la scelta sembra quella di una giustapposizione di estetiche che si incontrano e uniscono secondo incantesimo. E il risultato è magnifico, dall’iperrealismo della foresta nel primo atto, al quadro più castellucciano (quel secondo atto che rimanda d’istinto a diversi capitoli della sua Tragedia Endogonidia), all’uso della massa vivente con cui l’umanità si incammina verso la Redenzione.

Interpreti: Amfortas, Detlef Roth Titurel, Arutjun Kotchinian Gurnemanz, Gábor Bretz Parsifal, Andrew Richards Klingsor, Lucio Gallo Kundry, Anna Larsson Primo Cavaliere del Graal, Saverio Bambi Secondo Cavaliere del Graal, Alexey Yakimov Primo scudiero, Paola Francesca Natale Secondo scudiero, Alena Sautier Terzo scudiero, Filippo Pina Castiglioni Quarto scudiero, Paolo Antognetti Fanciulle fiore - gruppo I, Helena Orcoyen, Anna Corvino, Alena Sautier Fanciulle fiore - gruppo II, Diletta Rizzo Marin, Maria Rosaria Lopalco, Arianna Rinaldi Voce dall’alto, Anna Larsson

Regia: Romeo Castellucci

Scene: Romeo Castellucci

Costumi: Romeco Castellucci

Coreografo: Cindy Van Acker

Orchestra: Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Roberto Abbado

Coro: Teatro Comunale di Bologna

Maestro Coro: Andrea Faidutti

Luci: Romeo Castellucci

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

 A Milano per la Società del Quartetto

classica

All’Alte Oper di Francoforte si chiude trionfalmente con un concerto interamente dedicato al compositore francese il ciclo dedicato al direttore greco e a MusicAeterna 

classica

Due concerti sinfonici al Teatro Massimo Bellini di Catania, in attesa della lirica