Gli incubi nel giardino dei mostri

Per la prima volta in Spagna Bomarzo di Ginastera, a quasi cinquant'anni dalla sua composizione

Foto Javier del Real
Foto Javier del Real
Recensione
classica
Teatro Real Madrid
Ginastera
24 Aprile 2017

Bomarzo, opera in spagnolo ambientata nel Rinascimento italiano, di uno tra i più rappresentativi compositori argentini del Novecento, Alberto Ginastera, è giunta al Teatro Real di Madrid per la prima volta in Spagna come una sorta di atto dovuto, a cinquant'anni dalla sua composizione, dopo aver conosciuto l'ostracismo e la censura per oscenità da parte del regime dei colonnelli. Un'opera in cui emergono una raffinata scrittura orchestrale e intensi momenti corali, ricca di timbri, percussioni, strumenti antichi, nei suoi numerosi interludi e ad accompagnare le voci; un'opera in cui però il canto si trova, per così dire, come imprigionato in una sorta di monotono declamato espressionistico che solo in rari momenti riesce decollare melodicamente. A fronte di questa duplicità della scrittura musicale, il libretto di Manuel Mújica Laínez è di grande efficacia teatrale e la conduzione registica di Pierre Audi, con le scenografie di Urs Schönebaum e i video di Jon Rafman riescono a costruirci un convincente itinerario delle angosce del duca di Bomarzo, tra i mostri del suo celebre giardino, con i suoi tragici risvolti. Palco spoglio, attraversato da geometrie luminose, con scelte che mirano a una stilizzazione quasi esasperata dei caratteri – quasi maschere – e che vengono forzando un po' anche i contenuti che nel libretto hanno un carattere più sfumato o allusivo. Cast ben condotto e motivato con un John Daszak nel ruolo del protagonista, onnipresente sulla scena, vocalmente sicuro e teatralmente assai efficace. Colpiscono il grande affiatamento ed il ritmo impresso dai movimenti mimici e quasi meccanici delle coreografie e dall'ottimo coro del teatro, così come la conduzione musicale attentissima e avvolgente da parte di David Afkham.

Interpreti: Pier Francesco Orsini: John Daszak - Gian Corrado Orsini: James Creswell - Diana Orsini: Hilary Summers - Girolamo: Germán Olvera - Maerbale: Damián del Castillo - Julia Farnese: Nicola Beller Carbone - Nicolás Orsini: Albert Casals - Silvio de Nardi: Thomas Oliemans - Pantasilea: Milijana Nikolic

Regia: Pierre Audi - Dramaturgia: Klaus Bertisch

Scene: Urs Schönebaum - Creazioni video: Jon Rafman

Costumi: Wojciech Dziedzic

Coreografo: Amir Hosseinpour, Jonathan Lunn

Orchestra: Teatro Real

Direttore: David Afkham

Coro: Teatro Real

Maestro Coro: Andrés Máspero - Dirección de Pequenos cantores:
 Ana González

Luci: Urs Schönebaum

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Liegi: la Favorite in versione francese all'Opéra de Wallonie (ma cantano gli italiani)

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli