Contro ogni confine

Bologna: la prima di - qui non c'è perché- di Molino da Primo Levi

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna Bologna
Andrea Molino
24 Aprile 2014
Il "qui non c'è perché" di Primo Levi scavalca la sua atroce circostanza per farsi emblema del disorientamento senza confini in cui è gettato l'uomo contemporaneo. Il primo confine destituito d'ogni valore è ovviamente quello tra bene e male, ma l'atto di inclusione delle forze e degli elementi in un tutto indiscriminato trova specchio nelle scelte estetiche di Andrea Molino, Giorgio Van Straten, Wouter van Looy, tutti ugualmente autori di quest'opera multimediale in cui suoni, immagini, azioni sono sempre a cavallo tra realtà e virtualità, sono sempre componenti integrate una nell'altra. E ancora i confini si fanno impercettibili. L'assenza di confini si impone in "- qui non c'è perché -" come affermazione di modernità, di fronte alla quale l'apparire dei muri innalzati dall'uomo (da quello che divide israeliani e palestinesi, a quello che divide statunitensi e messicani) è dipinto in tutta la sua violenza. La musica "pulsante" (come l'aveva programmaticamente definita lo stesso Molino) è il motore di un'azione compulsiva, che trova un momento di requie solo di fronte all'abisso, quello dell'infanticidio da parte di una madre, affidato all'ottima Anna Linardou. Negli altri quadri, giganteggia David Moss: è alla sua duttilità e all'intelligenza con cui utilizza la sua splendida voce che si affida il peso del tutto. E non è un caso che sia così: David Moss è ormai un'icona riconosciuta del postmodernismo nel quale la ricerca musicale sembra muoversi ancor oggi, facendo ancora tremar qualcuno per l'abbandono di alcuni canoni o a causa di agglomerati di forme e sostanze, quando invece sembra, a questo punto, che l'epoca e l'estetica postmoderna non siano in grado di superare loro stesse e la loro (superata per chi la fa, chissà per chi la riceve) portata iconoclasta.

Interpreti: David Moss Anna Linardou Institute of Living Voice BLINDMAN

Regia: Wouter van Looy

Scene: Ief Spincemaille

Costumi: Johanna Trudzinsky

Orchestra: Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Andrea Molino

Luci: Daniele Naldi

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La 69esima edizione della Sagra Musicale Malatestiana di Rimini si è aperta con Tierkreis e Aus den sieben Tagen del compositore tedesco

classica

Successo a Macerata per l'Elisir d'amore con la regia di Michieletto

classica

La Barca di Venetia per Padova a Urbino Musica Antica