Arena spagnola

A Verona Gala Domingo e nuova "Carmen"

Recensione
classica
Ente Lirico Arena di Verona
23 Luglio 2009
Tutti in piedi, ad applaudire il festeggiato. E' finita così la Serata di Gala con Placido Domingo che all'Arena di Verona ha festeggiato i 40 anni dal suo debutto in Arena che coincideva con il suo debutto italiano. Era il 16 luglio 1969 quando il tenore spagnolo cantò "Turandot"; insieme a Birgit Nilsson nel catino areniano, l'uomo stava per andare sulla luna e chissà se Domingo, allora, si sarebbe immaginato, quaranta anni dopo, lì, nello stesso posto con la sua carriera alle spalle, non solo di tenore, ma di direttore d'orchestra, di direttore di teatri, di scopritore di giovani voci con il suo concorso Operalia. Il Gala era una vera e propria dominghiade con il tenore protagonista di tre quarti atti: da "Otello" di Verdi (ruolo a lui particolarmente caro e che ha anche cantato in Arena nel 1996), da "Cyrano di Bergerac" di Alfano (personaggio che Domingo sta cercando di far scoprire al più vasto pubblico possibile dato che negli ultimi anni lo ha interpretato a New York, a Washington, alla Scala e a Parigi) e da "Carmen", opera che proprio in questi giorni sta andando in scena a Verona e della quale Domingo ha anche diretto quattro recite). Tre personaggi che gli danno modo di dimostrare non solo una perfetta forma vocale tenorile (anche se a ottobre lo aspetta "Simon Boccanegra" come baritono!), ma anche quanto riesca a "vivere" i suoi ruoli anche solo per un atto! La disperazione lancinante di Otello quando scopre le trame di Jago è palpabile nel suo smarrimento e nel cercare invano una certezza da Cassio o da Emilia, la lettura della lettera di Cyrano è teatro della parola che riesce a commuovere anche chi non conosceva l'opera di Alfano e Don Josè è un vinto che uccide sapendo in realtà di uccidere anche se stesso. Arena tutta esaurita, quattordicimila spettatori ad applaudirlo e sullo sfondo le immagini di suggestive scenografie virtuali di Ezio Antonelli che potrebbero essere una scelta importante per il futuro dell'Arena, dove sta anche andando in scena una "Carmen" per la quale Zeffirelli ha ridisegnato nuove scene, bellissime, colori e bozzetti alla Goya e giganteschi manifesti con volti femminili e immagini di toreri che trasformano il palco in una coloratissima Siviglia.

Interpreti: Placido Domingo, Teresa Romano, Isabelle Kabatu, Nancy Fabiola Herrera

Direttore: Pier Giorgio Morandi, Patrick Fournillier

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La leggenda drammatica di Berlioz ha inaugurato la stagione dell’Opera con la direzione di Gatti e la regia di Michieletto

classica

Firenze: il Gamo Festival chiude con Shakespeare

classica

E il sovrintendente Livermore si è dimesso