Riscoprire Paisiello

Per il secondo centenario, una mostra e iniziative a Napoli

News
classica
Il filtro selettivo della memoria ricade su Giovanni Paisiello per il secondo centenario (1816-2016) della scomparsa: il compositore è celebrato al Conservatorio di Napoli con una mostra (inaugurata il 26 febbraio) allestita nella sala Muti del San Pietro a Majella. Documenti amministrativi, autografi, partiture, strumenti musicali curati da Tommasina Boccia, Luigi Sisto e Cesare Corsi: un fondo così vario, e perciò unico al mondo sul compositore napoletano, dovrebbe ispirare l'accademia ad approfondire quest'autore almeno per una completa biografia ufficiale.

L'evento fa esplodere inevitabilmente il tema articolandolo in direzioni diversissime: l'esecuzione dei concerti in Sol minore e Re maggiore per fortepiano e orchestra su l'originale Michail Kirschnick 1781 che Paisiello riceve in dono da Caterina II; percorsi didattici in collaborazione con Antonio Florio e ScarlattiLab; una borsa di studio Paisiello in collaborazione con Gli Amici del San Carlo; un convegno sui musicisti del Mediterraneo in collaborazione con IMS e ICTM: è questo che il Conservatorio di Napoli, sotto la direzione del Maestro Elsa Evangelista, riesce ad ottenere, conducendo Paisiello lungo strade finora assai poco mostrate al pubblico. [Salvatore Morra]

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 26 giugno nel Ridotto dei Palchi "Claudio Abbado e la riscoperta di Fierrabras", un incontro per ricordare la rinascita moderna dell'opera nel 1988 a Vienna

classica

Presentata la nuova stagione del Palau de les Arts

classica

Un grave lutto ha colpito la IUC e tutto il mondo musicale romano e italiano