Cantare la paura

Novara: il 3 dicembre debutta l'opera di Sciortino da De Roberto

News
classica
Un racconto di Federico De Roberto è all'origine di una nuova opera lirica. Identico il titolo, La Paura, un atto unico di cui è autore Orazio Sciortino, su libretto di Alberto Mattioli e dello stesso Sciortino. La prima il 3 dicembre al Teatro Carlo Coccia di Novara, sul podio il compositore, mentre la regia è firmata da Simona Marchini. L'organico è di tredici strumentisti, come si conviene a un'opera da camera, mentre quattro sono le voci, due tenori, un baritono e un basso. Più il coro e quattro comparse recitanti, che rapprentano la truppa costretta in trincea durante la Prima Guerra Mondiale. La situazione è analoga a quella raccontata da Ermanno Olmi in Torneranno i prati, claustrofobica, isolata dalle pareti di legno e terriccio, mentre fuori c'è l'inferno. Il tenente Alfani, il protagonista, è rimasto senza ordini e può solo attendere gli eventi perché ad apertura di sipario c'è una sorta di tregua apparente, con gli austriaci rintanati a cinquecento metri. Quando costoro sono sostituiti da rincalzi boemi, le ostilità riprendono. Ogni soldato italiano, che tenta di raggiungere il posto di vedetta, viene immancabilmete colpito a morte. Cadono tutti uno dopo l'altro. Tanto che l'ultimo di loro, l'unico insieme col tenente a parlare italiano (gli altri si esprimono nei loro dialetti) piuttosto che fare quella fine si uccide. L'opera è strutturata come un'unica arcata formale, ha spiegato Sciortino, ma è suddivisa in sezioni caratterizzate dalle battute tra il tenente e il soldato di turno. Nel succedersi di queste sezioni, a cambiare non è la situazione scenica, ma il contesto timbrico che delinea via via le diverse percezioni della paura. A caratterizzarle contribuisce la scrittura strumentale che fa da contrappunto al silenzio di ciascuno, di fronte all'ineluttabilità del suo destino.

s.j.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto