La grazia, la maestria e l’eleganza della Ars Nova

Il disco dell'ensemble La Fonte Musica diretto da Michele Pasotti si dedica al repertorio del Trecento

La Fonte Musica - metamorfosi Trecento
Disco
classica
La Fonte Musica
Metamorfosi Trecento
Alpha
2017

La musica del Trecento non gode della stessa fortuna della pittura e dell'architettura, unanimemente riconosciute per la loro eccelsa qualità, ed è raro poterla ascoltare, anche perché la sua interpretazione richiede grande dedizione e maestria.

Il delicato equilibrio della sua polifonia a due o tre parti richiede timbri vocali che abbiano il nitore e la vivacità dei dipinti giotteschi e che riescano a trasmettere l’incanto delle immagini poetiche che emergono dai versi stilnovistici. L’ensemble La Fonte Musica diretto da Michele Pasotti è nato dalla volontà di mettere in luce la bellezza di questa polifonia vocale che ha ancora molto da rivelare, e la trama concettuale che unisce le musiche di autori diversi contenute in questo secondo disco della loro carriera è ispirata al simbolo delle metamorfosi attraverso i riferimenti a personaggi della mitologia presenti nei testi di canzoni italiane e francesi, come Orfeo, Dafne, Callisto, Arianna, Narciso, Diana, Pitone ed altri ancora.

Tra i numerosi compositori, oltre a Landini, Jacopo da Bologna, Machaut e de Vitry, figurano prevalentemente autori della seconda metà del Trecento, come Paolo da Firenze, Zacara da Teramo, Filippotto da Caserta, Niccolò da Perugia, e il francese Solage.  La musica di quest’ultimo è presente nel celebre codice Chantilly, l’antologia della ars subtilior per eccellenza, quella tarda Ars Nova che è frutto dell’incontro fra tradizione italiana e tradizione francese favorita dalla ricca vita musicale della corte papale di Avignone. Ma il carattere sperimentale e innovativo di questa tarda fioritura musicale trecentesca è espresso anche da Zacara, e dalla sua enigmatica ballata politestuale – in francese, italiano e latino maccheronico – Je suis navré / Gnaff’a le guagnele. Ed è su questo originale musico che si sta concentrando l’attività del raffinato ensemble che ha intenzione di interpretare e registrare tutte le sue musiche.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Zuguambé, l'Africa nella musica antica portoghese

Le musiche dell’archivio del Monastero della Santa Croce di Coimbra in un cd Harmonia Mundi

Paolo Scarnecchia
classica

Il bajan antico e moderno di Samuele Telari

Disco d’esordio del giovane Samuele Telari, ben articolato tra le trascrizioni di Bach e Schubert e i più avvincenti brani di Gubaidulina e Runchak

Giorgio Cerasoli
classica

Il violoncello del cardinale

Le sonate dei violoncellisti al servizio del cardinale Ottoboni nella Roma barocca

Paolo Scarnecchia