Armide secondo Les Talens Lyriques

La tragédie lyrique di Lully interpretata dall'ensemble di Christophe Rousset

Les Talens Lyriques
Foto di Eric Larrayadieu
Disco
classica
Les Talens Lyriques
Lully. Armide
Aparte
2017

L’elenco di opere interpretate e registrate dall’ensemble Les Talens Lyriques, creato da Christophe Rousset nel 1991, è lungo, ma tra le più recenti spiccano le tragédies lyriques di Lully Armide e Alceste.

Queste si aggiungono a quelle dello stesso autore già interpretate in passato: Persée, Roland, Bellérophon, Phaéton e Amadis. Nella produzione teatrale lulliana Armide occupa un posto di grande rilievo, perché divenne  un vero e proprio modello della tragédie mise en musique. Si tratta dell’ultimo grande lavoro frutto della proficua collaborazione con il poeta Philippe Quinault, che elaborò il suo libretto su uno dei più significativi episodi della Gerusalemme liberata di Torquato Tasso. La sua prima rappresentazione avvenne il 15 febbraio del 1686 a Parigi nel Théâtre du Palais Royal dove operava la Académie Royale de Musique, il fulcro della politica culturale e musicale dell’epoca di Luigi XIV. Lo stile declamatorio dei recitativi perfettamente collegati e congiunti ad arie e ariosi è il frutto di una solida tradizione teatrale fecondata dall’arte musicale dell’ambizioso e geniale musicista italiano divenuto il deus ex-machina della vita musicale della corte del Re Sole.

A stemperare la estrema razionalità dell’impianto drammaturgico contribuiscono i cosiddetti divertissements che lasciano spazio non solo alle danze, che sono uno dei tratti distintivi del teatro musicale francese, ma al meraviglioso e al sovrannaturale, elementi fondamentali e imprescindibili della tragédie lyrique. L’edizione numerata e limitata del doppio cd che contiene quest’opera di Lully è frutto della registrazione del concerto che si è svolto nella Sala Pierre Boulez della Philharmonie de Paris il 10 dicembre 2015, con la partecipazione del Choeur de Chambre de Namur, e di un eccellente cast di solisti, a cominciare dai protagonisti Marie-Adelina Henry (Armide) e Antonio Figueora (Renaud).

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Un’inedita trilogia del Novecento italiano

La violoncellista Silvia Chiesa raccoglie in un disco i Concerti di Castelnuovo-Tedesco, Gian Francesco e Riccardo Malipiero

Alberto Massarotto
classica

Laurent de Saint-Luc, un liutista belga di fine Seicento

La scoperta del repertorio di Laurent de Saint-Luc, suonato da Evangelina Mascardi

Paolo Scarnecchia
classica

L’energia pura dell’ultimo Carter

I Late Works del centenario gentiluomo per la prima volta in un disco con un cast di prim’ordine e quattro registrazioni in prima mondiale

Alberto Massarotto