Waltz regista di Falstaff

Anversa: Verdi con la regia del Premio Oscar Christoph Waltz

Falstaff all'Opera di Anversa
Falstaff all'Opera di Anversa
Recensione
classica
Opera di Anversa
Falstaff di Verdi
16 Dicembre 2017 - 31 Dicembre 2017

L’attore premio Oscar Christoph Waltz ha dimostrato ancora una volta di essere bravo anche a dirigere opere liriche. Dopo Der Rosenkavalier di Strauss, sempre per l’Opera di Anversa ha messo in scena il Falstaff di Verdi con idee nuove e coraggiose quanto riuscite, mescolando nell’allestimento con rara efficacia contemporaneo e antico, forte di una squadra di collaboratori e di un cast all’altezza delle sue ambizioni. Il lungo primo tempo si svolge in una modernissima cornicie tutta candida, candido il fondale e candide le quinte, in contrapposizione l’opulento tavolo e la panca sono tipici di un quadro del XV secolo. Anche nei bei costumi di Judith Holste allo stesso tempo si ritrovano giubbe d’epoca e vestiti d’oggi, e il mélange funziona a meraviglia perché quella che si sta raccontando è una storia senza tempo ma fa piacere che qualche elemento ricordi l’ambientazione storica originale. Dopo la pausa non resta che l’ultimo quadro del terzo atto, quello della burla finale notturna, e qui – sorpresa – la grande quercia è una magnifica grande struttura a più piani in metallo, bravo lo scenografo Dave Warren,  che ospita tutta l’orchestra dalla cui fossa vuota salgono in scena invece adesso gli interpreti, e riuscitissimo è il gioco di luci di Felice Ross per vestirli di un’aurea magica. Il maestro ceco Tomáš Netopil guida l’orchestra in modo assai scorrevole, senza mai prevaricare, anche quando tutto l’organico è sul palco. Nel ruolo del titolo il basso-baritono americano Craig Colclough riesce benissimo a trasformarsi, anche fisicamente, in Falstaff dandone un’interpretazione gustosa e tecnicamente ben realizzata. Tra gli altri, tutti bravi, svetta il Ford geloso del baritono Johannes Martin Kränzle, che in alcuni momenti sembra proprio per toni e modi un Rigoletto, e si fa notare anche la Mrs Quickly di Iris Vermillion che pur essendo un mezzosoprano riesce bene a rendere la parte scritta da Verdi per un contralto distinguendosi, come deve essere, dalle altre comari mezzosoprano. Perfetta coppia di innamorati infine il soprano Anat Edri come Nannetta e il tenore Julien Behr come Fenton. Applausi alla fine di ogni quadro ed ovazione per il conclusivo coinvolgente “Tutto nel mondo è burla”.

 

 

 

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La prima volta del Fledermaus al Teatro alla Scala, con una produzione che non fa onore all'operetta di Johann Strauss

classica

Andrea Beth firma una regia di duro impatto emotivo per Il prigioniero di Dallapiccola e Das Gehege di Rihm

classica

Da Sogni d'inverno alla Patetica con l'orchestra del Teatro Mariinskij per il festival Russian Seasons