Un Mozart minore

La frizzante produzione di un lavoro giovanile, nella competente ed ispirata lettura musicale di John Elliot Gardiner, si rivela un riuscito omaggio all'anno mozartiano.

Recensione
classica
Royal Opera House (ROH) Londra
Wolfgang Amadeus Mozart
26 Settembre 2006
Probabilmente il giovane Mozart si sentiva più che soddisfatto dei risultati compositivi raggiunti con La finta giardiniera, dopo l'ottima accoglienza alla prima nel gennaio del 1775. Dopotutto si trattava di un lavoro su di un soggetto alla moda, la cui partitura non sfigurava certo nel confronto con i contemporanei, fossero essi il Pasquale Anfossi che aveva musicato il libretto l'anno prima, il Piccinni de La buona figliola, o col senno di poi lo stesso Haydn. Per il pubblico moderno tuttavia la situazione è più problematica: manca il contesto culturale per interpretare correttamente la 'sensibilità' del libretto, i cui protagonisti impazziscono giusto il tempo per arrivare al necessario lieto fine, ma più significativamente il lavoro non regge il confronto con il Mozart che conosciamo ed amiamo, quello della maturità. Ne La finta giardiniera si intravedono in nuce le caratterizzazioni, l'invenzione melodica e la scrittura drammaticamente integrata delle commedie dapontiane, ma il livello non è lo stesso, soprattutto per profondità psicologica e umana: e in fondo c'è qualcosa di quasi confortante nello scoprire che il genio Mozart era ancora solo un ragazzo. In questo senso, la scelta di mettere in scena un lavoro che normalmente non si vedrebbe sul palcoscenico principale si dimostra un omaggio ponderato e riuscito all'anno mozartiano. La produzione di Annika Haller (subentrata a Christof Loy) legge in maniera letterale questa lieve commedia degli equivoci, che un cast vocalmente disequale rende frizzante, in particolare grazie alle eccellenti interpretazioni di Kurt Streit, Camilla Tilling e Patrizia Biccirè. L'aiuto piu sostanziale arriva dalla buca, dove John Elliott Gardiner fornisce una lettura attenta e dettagliata di una partitura non scevra di delizie.

Note: Nuova produzione

Interpreti: Roberto/Nardo: Christopher Maltman; Don Anchise: Kurt Streit; Marchioness Violante/Sandrina: Genia Kühmeier; Count Belfiore (21 | 24 (mat) | 26 | 28 Sep) : Robert Murray; Count Belfiore (2 | 4 | 7 (mat) Oct): Nicholas Watts; Arminda: Camilla Tilling; Ramiro: Sophie Koch; Serpetta: Patrizia Biccirè

Regia: Annika Haller

Scene: Herbert Murauer; Luci Reinhard Traub

Direttore: John Eliot Gardiner

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La leggenda drammatica di Berlioz ha inaugurato la stagione dell’Opera con la direzione di Gatti e la regia di Michieletto

classica

Firenze: il Gamo Festival chiude con Shakespeare

classica

E il sovrintendente Livermore si è dimesso