L'essenzialità bidimensionale di Macbeth

Inaugurazione al Comunale di Bologna con Roberto Abbado e Bob Wilson

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna Bologna
Giuseppe Verdi
05 Febbraio 2013
La notte, intramontabile simbolo d’ogni più maligno archetipo, è il cuore di "Macbeth". Superba ambizione e avidità, tradimento e morte trovano nelle impietose tenebre il loro stesso specchio. Nulla di più semplice e abissale. E così, nella sua pura essenzialità, Bob Wilson restituisce la storia arcana di "Macbeth": in una scena in cui tutto è stilizzato, tutto appare nel suo significato (simbolico, appunto) più immediato; in una scena che non ama i chiaroscuri, il contrasto secco tra l’oscurità accecante e i pochi bagliori luminosi rende tutto pittoricamente bidimensionale: bene e male hanno un confine netto. Un "Macbeth" che torna alle sue origini di storia popolare: una storia esemplare, “narrata” da interpreti che Wilson veste con armature – unica concessione vagamente realistica – che rimandano a un immaginario giapponese (ma non fu Kurosawa tra i più grandi registi di "Macbeth"?) o, con altrettanta evidenza, a quello dei nostri pupi siciliani, chissà se con inconsapevole ispirazione. Marionette i cui pochi, misurati e secchi gesti si fondono – secondo quell’alchimia magica che attrae gli opposti – con la bacchetta, applaudita a gran voce, di un Roberto Abbado capace di dare carattere e intimità, ritmo incalzante e pensosa riflessività al rincorrersi dei diversi quadri drammaturgici dell’opera verdiana, facendo fede sulle ottime qualità di cast che dal Banco di Riccardo Zanellato al Macduff di Roberto De Biasio, fino al ruolo principale affidato a Dario Solari ha saputo dar valore musicale e senso scenico a un allestimento di profondità e fascino rari.

Interpreti: Macbeth, Dario Solari Lady Macbeth, Jennifer Larmore Banco, Riccardo Zanellato Macduff, Roberto De Biasio Dama di Lady Macbeth, Marianna Vinci Il medico, Alessandro Svab Malcolm, Gabriele Mangione

Regia: Robert Wilson

Scene: Robert Wilson

Costumi: Jacques Reynaud

Orchestra: Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Roberto Abbado

Coro: Teatro Comunale di Bologna

Maestro Coro: Andrea Faidutti

Luci: Robert Wilson

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

 

Milano: Orphée et Euridice  di Gluck con Florez e Mariotti

classica

Genova: da Scarpetta a Tutino

classica

Roma: a Santa Cecilia l’integrale delle Sinfonie per il centenario della nascita del compositore americano