Il ritorno di Jérusalem

Liegi: Verdi con la regia di Mazzonis di Pralafera e la direzione di Scappucci

Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
Giuseppe Verdi
17 Marzo 2017
Riaccendendo i riflettori su un’opera ritenuta comunemente essere solo la versione in francese dei Lombardi alla prima crociata, l'interesse suscitato è stato grande ma l’esito un po’ deludente per via della messa in scena. Il direttore dell’Opéra Royal de Liège, Stefano Mazzonis di Pralafera, che dell'allestimento è pure regista, facendo proprie le tesi del critico Paolo Isotta, ha puntato a dimostrare l’originalità di Jérusalem nello stile del grand-opéra, con pure la musica per balletto composta da Verdi appositamente riproposta a Liegi con nuove coreografie di gusto contemporaneo. Se sul podio Speranza Scappucci è efficace nell'obiettivo di delineare il profilo musicale differente della nuova opera rispetto ai Lombardi, rendendo in modo accurato, sopratutto ben lavorando sui legati, una partitura che si è rivelata così drammaticamente potente quanto elegante, quindi un ulteriore passo avanti del discorso che Verdi aveva iniziato con il Nabucco e poi proseguito con i Lombardi; dall’altra parte però le scarne scenografie, le coreografie, gli stessi movimenti del coro, hanno dato l’impressione del già visto; e pure i costumi, pur di pregevole fattura, e pure con particolari bizzarri, sono in fondo monotoni e lasciano perplessi. Con il risultato che, se la musica di Jérusalem si rivela con una sua precisa personalità, dal punto di vista visivo l'impressione è invece che non ci sia purtroppo un'idea guida altrettanto forte a supporto del nuovo allestimento. Anche i protagonisti non convincono in pieno, con da una parte Elaine Alvarez nel ruolo di Hélène dalla voce e presenza possente, che domina la scena, ma manca un po' d'eleganza; così come il Roger di Roberto Scandiuzzi non ha sempre profondità; mentre dall’altra parte il Gaston di Marc Laho è apprezzabilissimo.

Note: Nuova coproduzione Opéra Royal de Wallonie / Fondazione Teatro Regio di Torino

Interpreti: Marc Laho (Gaston), Elaine Alvarez (Hélèn), Roberto Scandiuzzi (Roger), Ivan Thirion (Comte de Toulouse), Pietro Picone (Raymond), Natacha Kowalski (Isaure), Patrick Delcour (Ladémar de Montheil, légat du Pape)

Regia: Stefano Mazzonis di Pralafera

Scene: Jean-Guy Lecat

Costumi: Fernand Ruiz

Coreografo: Gianni Santucci

Orchestra: Opéra Royal de Wallonie-Liège

Direttore: Speranza Scappucci

Coro: Opéra Royal de Wallonie-Liège

Maestro Coro: Pierre Iodice

Luci: Franco Marri

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Grande successo alla Staatsoper di Berlino per l’opera verdiana in un nuovo allestimento di Harry Kupfer 

classica

Successo facile per l'opera di Rossini alla Deutsche Oper di Berlino, nonostante una regia discutibile 

classica

Dopo Londra anche alla Komische Oper di Berlino si ripete il successo dell’opera di Šostakovič nell’allestimento di Barrie Kosky