Gli occhialini del Flauto Magico

Bologna: Mozart in 3D

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna Bologna
Wolfgang Amadeus Mozart
16 Maggio 2015
La nuova produzione del “Flauto magico" al Teatro Comunale di Bologna prevedeva una scommessa: rendere gli spettatori partecipi del mondo fantastico mozartiano, non solo attraverso la caratterizzazione vocale di un cast di ottimo livello, ma anche grazie a un’impostazione registica sperimentale (ideata da Fanny&Alexander) basata sull’utilizzo della tecnica cinematografica in 3D. La visione, attraverso gli occhialini dalle lenti bicolori, è straniata, anomala, quasi faticosa, ma consentiva di immergersi in un gioco di prospettive irreale ed efficacissimo. La direzione di Mariotti ha reso ottimi servigi ai cantanti e l’intera produzione si è distinta per la cura riservata ai dettagli: dai movimenti scenici di ognuno, all’apporto di comprimari e coro, all’inappuntabile pronuncia della lingua tedesca. Voci sposate a physiques des rôles calzanti hanno conferito personalità nette ai personaggi, come le voci bianche surreali dei tre fanciulli, i timbri in amalgama brillante delle tre dame, l’emissione nasalizzata all’estremo di Monostatos (Gianluca Floris) e la voce piena e rassicurante dell’imponente Sarastro di Mika Kares. Impeccabili le acrobazie astrali della Regina della Notte, Christina Poulitsi, che ha raggiunto i sovracuti con massima disinvoltura e sciorinato con grazia le rapidissime agilità. Paolo Fanale ha tratteggiato un Tamino antieroico; al suo fianco Maria Grazia Schiavo era perfettamente a suo agio nei panni di Pamina. Papageno era il carismatico Nicola Ulivieri, accattivante soprattutto nel duetto con Papagena (Anna Corvino), tinto di un’intimità inusitata e cinguettante. Dalla sala del Bibiena gremita, applausi entusiasti.

Note: data prima 16 maggio 2015

Interpreti: Sarastro: Mika Kares – Tamino: Paolo Fanale – Oratore: Andrea Patucelli – Primo sacerdote : Simone Casolari, Andrea Patucelli – Secondo sacerdote: Cristiano Olivieri – Terzo sacerdote: Carlo Alberto Brunelli – La regina della notte Christina Poulitsi/Sonia Ciani (23 e 24 maggio) – Pamina: Maria Grazia Schiavo – Prima Dama: Diletta Rizzo Marin – Seconda Dama: Diana Mian – Terza Dama: Bettina Ranch – Primo fanciullo: Marco Conti – Secondo fanciullo: Pietro Bolognini – Terzo fanciullo: Susanna Boninsegni – Papagena: Anna Corvino – Papageno: Nicola Ulivieri – Monostatos: Gianluca Floris – Primo uomo corazzato: Cristiano Olivieri – Secondo uomo corazzato: Luca Gallo – Fanny e Alexander (nelle riprese filmate): Emma Minzi e Alfonso Cafaro.

Regia: Luigi De Angelis

Scene: Luigi De Angelis e Nicola Fagnani

Costumi: Chiara Lagani

Orchestra: Orchestra del Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Michele Mariotti

Coro: Coro del Teatro Comunale di Bologna

Maestro Coro: Andrea Faidutti

Luci: Luigi De Angelis e Nicola Fagnani

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Inaugurata con successo la Quarantunesima edizione del Festival Internazionale Händel con una nuova produzione dell’opera händeliana

classica

 Street Scene al Teatro Real di Madrid

classica

Delude la direzione di Speranza Scappucci e non convince lo  spettacolo di Giorgio Barberio Corsetti