Fidelio secondo Mehta

Napoli: successo al San Carlo

Recensione
classica
Teatro di San Carlo Napoli
Beethoven
25 Settembre 2017
Bentornato al San Carlo, Fidelio. Capolavoro di Beethoven su versi di Sonnleithner, Von Breuning e Treitschke, testo misto di gioco e forma, un Singspiel tra musica e parlato, fitto di effetti vocali ricercati, e dai riflessi arcaici. Difficile immaginare una prova di Mehta migliore di questa, a capo dell'orchestra e coro del San Carlo, con i cantanti madrelingua, dalla parola teatrale folgorante, e l'inserzione recitata, che ahimé spezzava il ritmo, della pur bravissima Sonia Bergamasco a rappresentare un'ulteriore voce di Leonora - idea stilizzata e scolastica poco adatta per far esplodere emozioni e sentimenti. Il parlato, e con microfono, non sta al teatro in musica come la musica dal vivo o registrata sta a suo agio nel teatro di prosa. Fidelio deborda sentimenti illuministici, insieme a citazioni da Mozart “Così fan tutte” e “Flauto Magico”, esibite nell'orchestrazione degli ottoni, ad esempio, e nei vari duetti o nelle arie come quella di Rocco. Ma poiché manca la messinscena, i costumi ecc. che non poco ci lasciano rifuggire da qualsiasi realtà, valgono soprattutto le voci. Sono tutt'uno con i singoli personaggi i protagonisti Anja Kampe, Leonora e un possente Peter Seiffert, Florestano. Samuel Youn, Don Fernando e Evgeny Nikitin, Don Pizarro - hanno note nobili, raffinatissime - Wilhelm Schwinghammer, nel ruolo di Rocco in gara di bravura, cioè di espressività - non da meno lo Jaquino di Paul Schweinester, dalla voce tersa e di cangiante fluidità. Cattura il gesto di Mehta, seppur a volte con tempi meno spumeggianti, più riflessivi. Catturante anche per l'efficace declamazione e morbida cantabilità che pervade l'opera, dal carattere sempre intenso fino al finale decisamente trionfale, grandioso. Colpiscono la pertinenza e lo stile sfaccettato da timbri e fraseggio, l'abilità drammatica che Mehta instilla nell'orchestra tutta del teatro napoletano. Nella riuscita si inserisce il coro, ottimo nei volumi: all'inizio titubante, poi in crescendo e senza remore. La sala quasi piena alla seconda di lunedì sera in grande ovazione e apprezzamento.

Interpreti: Anja Kampe, Leonora - Peter Seiffert, Florestano -Samuel Youn, Don Fernando - Evgeny Nikitin, Don Pizarro - Wilhelm Schwinghammer, Rocco - Paul Schweinester, Jaquino.

Orchestra: del teatro di San Carlo

Direttore: Zubin Mehta

Coro: del teatro di San Carlo

Maestro Coro: Marco Faelli

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Oper Frankfurt presenta una nuova edizione della problematica opera straussiana del 1942

classica

Al Regio di Parma l'inaugurazione della stagione lirica con un Rigoletto dedicato ai 50 anni di carriera del baritono

classica

Al Teatro Real una versione di Bohème quasi metateatrale, per la regia di Richard Jones