Dickens all'opera

A Trento "A Christmas Carol" di Iain Bell

Recensione
classica
Teatro Sociale Trento
Iain Bell
02 Dicembre 2016
Parentesi natalizia per la stagione operistica del Trentino Alto-Adige, che porta a Trento in prima nazionale “A Christmas Carol”, secondo lavoro del giovane britannico Iain Bell. Trattasi di un’opera da camera basata su uno dei racconti più conosciuti di Charles Dickens e costruita sulle capacità vocali ed attoriali di un'unica voce tenorile. Interprete protagonista è Mark Le Brocq, cui va il plauso di aver saputo condurre due ore di spettacolo destreggiandosi tra i vari personaggi del racconto, caratterizzando voci ed emozioni in una caleidoscopica mutevolezza di stili e timbri. Iain Bell porta sulla scena Dickens in carne ed ossa - protagonista lui stesso di letture animate per la promozione del suo racconto nel 1850 - e l’intento è compiuto anche grazie all’allestimento della Welsh National Opera (2015) dove scene e costumi ci proiettano in un salotto borghese del XIX secolo, con tanto di orologio a pendolo, frac, candelabri ed alberi di Natale riccamente addobbati. Più interessante nella sua modernità risultava la messinscena di Houston per la prima assoluta nel 2014 (regia di Simon Callow) ma quella allestita a Trento si addice alla musica di un compositore “di vecchio stampo”, come lui stesso si autodefinisce, con lo sguardo a Perotino e la mano di Britten. Se il lavoro nel complesso scorre via velocemente, rimane una finestra aperta sul giovane Bell, prolifico compositore di cicli liederistici molto interessanti per soprano, per tenore e anche per controtenore.

Note: Produzione: Fondazione Haydn di Bolzano e Trento; Allestimento: Welsh National Opera

Interpreti: Mark Le Brocq

Regia: Polly Graham

Scene: Nate Gibson

Costumi: Nate Gibson

Orchestra: Orchestra Haydn di Bolzano e Trento

Direttore: James Southall

Luci: Ceri James

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La prima volta del Fledermaus al Teatro alla Scala, con una produzione che non fa onore all'operetta di Johann Strauss

classica

Andrea Beth firma una regia di duro impatto emotivo per Il prigioniero di Dallapiccola e Das Gehege di Rihm

classica

Da Sogni d'inverno alla Patetica con l'orchestra del Teatro Mariinskij per il festival Russian Seasons