Cenerentola fra telefonini e pistole ad acqua

L'opera di Rossini diverte nell'allestimento della Giocosa con il Sociale di Rovigo

Recensione
classica
Opera Giocosa Savona
Gioachino Rossini
17 Luglio 2014
Le due sorellastre che usano i telefonini e chattano con le amiche, Don Magnifico che dorme attorniato da sei procaci fanciulle, il seguito di Don Ramiro munito di goffo caschetto e manubrio da bicicletta, una pistola ad acqua per fermare l'ira di Don Magnifico. Sono alcune delle gag che il regista Francesco Esposito ha inventato per la "Cenerentola" messa in scena al Priamar di Savona dall'Opera Giocosa in coproduzione con il Teatro Sociale di Rovigo. Elemento caratterizzante, la lettura scenica di Esposito impostata sulla danza. Si balla e ci si muove con vitalità sul palcoscenico, sul quale è collocata una pedana in pendenza che si collega direttamente a una passerella sistemata fra platea e buca orchestrale. Si ride e ci si diverte, anche se alcune invenzioni rischiano di compromettere l'assetto musicale. E' ad esempio noto che muovere i cantanti nei concertati vivaci di Rossini costituisce un pericolo, così come portare i cantanti davanti al pubblico con il direttore alle spalle può porre problemi di equilibrio ritmico e fonico. Sul podio della Sinfonica di Sanremo e del Coro lirico Mascagni di Savona, Giovanni Di Stefano ha diretto con vigore ed energia, cercando di mantenere un corretto equilibrio fra buca e palcoscenico. Nel cast ha convinto Riccardo Novaro nella parte di Dandini. Marianna Vinci, nel ruolo di Cenerentola, ha avuto momenti alterni: non sempre convincente nelle agilità, ha regalato una bella lettura del complesso rondò finale. Boyd Owen è parso un don Ramiro ancora da maturare, Simone Alaimo ha messo un consumato mestiere al servizio di Don Magnifico, Francesco Verna è stato un inappuntabile Alidoro. Completavano il cast Gabriella Costa e Paola Pittaluga.

Interpreti: Boyd Owen (Don Ramiro), Riccardo Novaro (Dandini), Simone Alaimo (Don Magnifico), Marianna Vinci (Angelina), Francesco Verna (Alidoro), Gabriella Costa (Clorinda), Paola Pittaluga (Tisbe)

Regia: Francesco Esposito

Scene: Mauro Tinti

Costumi: Francesco Esposito

Orchestra: Sinfonica di Sanremo

Direttore: Giovanni Di Stefano

Coro: "Pietro Mascagni" di Savona

Maestro Coro: Gianluca Ascheri

Luci: Alessandro Canali

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’ensemble Stradella Y- Project diretto da Andrea De Carlo ha presentato Editta, vergine e monaca, regina d’Inghilterra di Alessandro Stradella

classica

Oren sul podio e la regia di Vizioli

classica

Ad Assisi il St. Jacob’s Chambers Choir diretto da Gary Graden protagonista di una serata emozionante