Aida alla maniera greca

Bruxelles: prima regia d'opera per Stathis Livathinos

Recensione
classica
Théâtre Royal de la Monnaie
Giuseppe Verdi
19 Maggio 2017
Non si rimpiangono certo gli apparati fastosi di certi allestimenti decisamente kitsch, eppure nella nuova Aida per la regia di Stathis Livathinos alla fine l’impressione è che manchi qualcosa di fondamentale. Non solo per le voci, perché solo Adina Aaron nel ruolo del titolo è veramente all’altezza del ruolo, ma proprio per la tanta attesa messa in scena del direttore del teatro nazionale greco. Tra le scelte discutibili innanzitutto il far svolgere tutta la storia sopra o intorno ad una grande pietra sconnessa che riempe la scena, e anche visibilmente di paura d’inciampare gli interpreti, poco funzionale e significativa. Tra le idee apprezzabili invece, ad esempio, il rappresentare il trionfo ponendo in primo piano i suoi spettatori, cioé il coro: il pubblico in sala quindi non vede sfilare nulla, ma si gode le reazioni festanti di chi vi sta assistendo. Ma anche questa scelta alla fine, causa lunghezza, risulta noiosa perché ripetitiva. I costumi poi sono un guazzabuglio di ispirazioni. Avendo rinunciato all’Aida spettacolare, si è puntato sull’espressione delle spinte interiori contrastanti dei protagonisti. Ma il Radamés di Andrea Caré manca di piglio e presenza scenica, sopratutto all’inizio, mentre nel secondo tempo il suo canto si fa un po’ più deciso e potente. Nora Gubish è una buona Amneris come attrice ma anche la sua voce è troppo piccola per un ruolo così drammatico. Svetta solo la fluida dolcezza di canto del soprano Adina Aaron nei panni di Aida. Il coro della Monnaie, in primo piano in diversi momenti, come al solito da una buona prova; l’orchestra guidata da Alain Altinoglu regala un’esecuzione attenta con diversi strumenti ben in evidenza. Manca l'amalgama finale, le scene non creando atmosfera e gli interpreti non suscitando immedesimazione.

Note: Produzione La Monnaie

Interpreti: Adina Aaron (Aïda), Andrea Carè (Radamès), Nora Gubisch (Amneris), Dimitris Tiliakos (Amonasro), Giacomo Prestia (Ramfis), Enrico Iori (Faraone), Tamara Banjesevic (sacerdotessa), Julian Hubbard (messaggero)

Regia: Stathis Livathinos

Scene: Alexander Polzin

Costumi: Andrea Schmidt-Futterer

Coreografo: Otto Pichler

Orchestra: Orchestre symphonique de La Monnaie

Direttore: Alain Altinoglu

Coro: Chœurs de la Monnaie

Maestro Coro: Martino Faggiani

Luci: Alekos Anastasiou

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli

classica

Firenze: Sonnambula tra gli sciatori