Tutte le Musiche a Roma

Il cartellone di Musica per Roma

News
classica
Le presentazioni delle nuove stagioni di Musica per Roma al Parco della Musica si aprono sempre con un bollettino di vittoria: anche la stagione scorsa, nonostante le arcinote difficoltà del momento, ha visto aumentare gli spettatori paganti, che sono stati ben 618.000, tra i concerti, le conferenze, le mostre e le altre manifestazioni di vario genere, dalla gastronomia al giardinaggio. Se poi si aggiungono gli spettatori di S. Cecilia e del Festival del cinema - che svolgono anch'essi la loro attività al Parco della Musica, ma sono totalmente autonomi da Musica per Roma - si supera il milione. Anche nella stagione appena iniziata i format in cui da qualche anno si articola l'attività di Musica per Roma saranno mantenuti, nonostante la forte riduzione del budget rispetto alle prime edizioni: in particolare le contribuzioni degli sponsor sono passate dai più di 6 milioni di quattro anni fa ai 3,2 milioni di quest'anno. Per limitarci alle manifestazioni musicali, si segnalano le rassegne La Voce, Pianoforte, Solo, Dialogo, la stagione Contemporanea, i festival del jazz, del sassofono e del Gospel, i Grandi Concerti. Gli eventi sono oltre seicento, quindi si possono menzionare soltanto alcuni tra i tanti e diversissimi musicisti che vi parteciperanno, da Ambrogio Sparagna ad Anastacia, da Gino Paoli e Danilo Rea a Rita Marcotulli e Luciano Biondini, da Dee Dee Bridgewater a Brad Mehldau, da James Taylor a Renzo Arbore, da Fiorella Mannoia a Stefano Battaglia. Quest'anno sono dedicate al jazz sia le due residenze artistiche (Franco D'Andrea - nella foto- e Michele Rabbia) sia le due Carta Bianca (Enrico Zanisi e Fabrizio Bosso). Alla classica contemporanea sono dedicati quattordici eventi, molti dei quali s'avvalgono del PMCE - Parco della Musica Contemporanea Ensemble diretto da Tonino Battista: si inizia il 28 novembre con Spasimo di e con Giovanni Sollima; poi, tra l'altro, le tre giornate dedicate rispettivamente a Peter Eötvös, Kaja Saariaho (di cui sarà eseguita anche la Passione secondo Simone Weill) e Tristan Murail, l'Oresteia di Xenakis e un trittico di brevi opere da camera.

m.m.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Orchestra del Concertgebouw di Amsterdam annuncia i nomi dei direttori che sostituiranno Daniele Gatti dopo il suo licenziamento

classica

In un articolo del "Washington Post" al direttore italiano erano state mosse accuse di molestie sessuali, confermate da alcune orchestrali