Todays Festival, da PJ Harvey agli Shins

Cresce il festival torinese, dal 25 al 27 agosto in Barriera di Milano

News
pop
PJ Harvey TODAYS 2017

Todays, anno terzo. Il che è già una buona notizia per una città come Torino, dove spesso i festival musicali vanno e vengono senza avere il tempo di crescere, maturare e farsi conoscere. Se l’edizione 2015 – che aveva schierato in prima fila Interpol, TV on the Radio e Verdena – aveva rappresentato un buon inizio e la successiva – con M83, John Carpenter, The Jesus and Mary Chain e Soulwax – aveva alzato l’asticella qualitativa (ma anche quantitativa, con una lunga serie di eventi collaterali e multimediali sparsi per la città) del progetto, questa terza edizione sembra continuare, almeno sulla carta, il percorso di crescita del festival, con un’interessante serie di nomi di levatura internazionale. Nomi che vanno a formare un cartellone ricco e non banale il cui obiettivo, come l’anno scorso, sarà quello di intercettare i gusti di un paio di generazioni di amanti di quella musica che per comodità continuiamo a chiamare rock: i trentacinque-quarantenni cui gli anni Novanta sono rimasti irrimediabilmente nel cuore e i loro, per così dire, fratelli minori, il pubblico universitario.

La prima categoria avrà di che godere già dalla giornata inaugurale del festival, venerdì 25 agosto, grazie all’unica data italiana dell’anno di colei che si contende con Björk il primato di cantante più rappresentativa, amata e geniale degli ultimi venticinque anni: PJ Harvey, reduce dalla pubblicazione dell’apprezzato The Hope Six Demolition Project. Il giorno dopo, sabato 26 agosto, un’altra data unica vedrà come headliner un’altra leggenda britannica degli anni Novanta, Richard Ashcroft: il suo ultimo disco, These People, è uscito nel 2016, ma sarà lecito aspettarsi qualche classico della band che l’ha reso famoso, i Verve, che giusto vent’anni fa pubblicavano il mai abbastanza celebrato Urban Hymns.

Entrambi i concerti si svolgeranno a Spazio211, da sempre quartier generale di un festival orgogliosamente periferico, ed entrambi saranno seguiti o preceduti da performance di artisti che dei nomi sopra citati potrebbero essere i figli: il ventisettenne canadese Mac DeMarco chiuderà col suo indie pop la giornata di venerdì allo Spazio, mentre sabato a salire sul palco prima di Richard Ashcroft sarà Perfume Genius, aka Mike Hadreas, pianista e songwriter americano tra i più originali e inclassificabili della sua generazione.

Domenica 27 il Todays chiuderà la sua terza edizione con il concerto forse più atteso dell’intero cartellone: saranno anche in circolazione da vent’anni abbondanti, gli Shins di James Mercer, ma in Italia prima d’ora non s’erano mai visti. Ecco dunque l’occasione giusta per godersi finalmente dal vivo uno dei migliori gruppi pop in circolazione, con le sue melodie cristalline sospese da qualche parte tra i Beatles e i Beach Boys. A seguire l’indie rock chitarristico di Band of Horses.

Questo solo per quanto riguarda i concerti di maggior richiamo allo Spazio211, cui faranno da cornice diversi eventi e dj set gratuiti in giro per il quartiere.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

pop

È morto il compositore e arrangiatore, Premio Oscar nel 1996 e fra i maestri della canzone italiana

pop

Dopo la laurea honoris causa a Pavia, anche l’Università di Parma celebra il cantautore di Asti

pop

Torna in tour in Italia Nick Cave con i Bad Seeds: date a Padova, Milano e Roma