Segni percussivi e creativi

Da Morris a Santiago Vazquez: conduction in Italia

News
oltre
Buone notizie per la musica improvvisata. Capita che a chi ragiona con la propria testa, come Henry Threadgill venga assegnato il premio Pulitzer e capita che il solco della conduzione creativa di Butch Morris venga rinnovato proprio da Threadgill con l’ultimo Old Locks And Irregular Verbs. E capita che in Italia, a Roma, stia finalmente per passare anche un altro ex allievo di Morris. In questo caso, i semi della conduzione-improvvisazione creativa di gruppo hanno germogliato a Buenos Aires. Ascoltare per credere la Bomba de Tiempo, orchestra di percussionisti che tutti i lunedì sera raccolgono da anni al centro Conex centinaia di ascoltatori e apprendisti innamorati dell’originale linguaggio sviluppato da Santiago Vazquez.

Percussionista e polistrumentista, a suo agio in ogni contesto, Vazquez è il fondatore di vari gruppi. Memore delle sperimentazioni di Morris,per La Bomba de Tiempo ha inventato un linguaggio di segni che permette di comporre e improvvisare interagendo in tempo reale con un collettivo orchestrale di percussionisti (e non solo). 
L’anno scorso ha dato forma al suo metodo e l’ha chiamato Ritmo e Percussioni con Segni (CERPS), traducendolo in un manuale specifico (pubblicato in spagnolo e inglese) che ha riscosso subito grande interesse anche in Europa, una sorta di enzima che sta generando collaborazioni e seminari, dalla Polonia alla Spagna, passando per Germania, Olanda e Belgio (dove collabora con Sysmo). Il nuovo tour europeo vede anche una masterclass intensiva a a Roma, il 28 e 29 maggio, a cura di Antonio Merola (antomurga@gmail.com), promotore delle prime esperienze CERPS in Italia.

Alessio Surian  

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

oltre

Confermato il bonus strumenti musicali: gli studenti di musica possono ottenere il 65% di sconto, fino a un massimo di 2500 euro

oltre

Vince per la colonna sonora di La forma dell'acqua. La miglior canzone è "Remember Me", da Coco.

oltre

Alla Punta della Dogana di Venezia Ernst Reijseger, Laibach, Mouse on Mars, Laurel Halo e Matthew Herbert