SEEYOUSOUND apre con Corrado Nuccini, Enrico Gabrielli e Iosonouncane

Dal 26 gennaio al 4 febbraio SEEYOUSOUND, l'International Music Film Festival di Torino

News
SEEYOUSOUND apre con Corrado Nuccini, Enrico Gabrielli e Iosonouncane

La dicitura International Music Film Festival non è certo messa a caso: SEEYOUSOUND, il festival torinese di cinema e musica, è cresciuto di edizione in edizione e dopo il buon successo dell'anno scorso (ne abbiamo parlato qui, qui e qui) torna per la sua IV edizione, dal 26 gennaio al 4 febbraio prossimi.

In attesa del programma completo, l'inaugurazione del 26 gennaio – nella Sala 1 del Cinema Massimo, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema – è già uno di quegli eventi da segnare sul calendario:  Ingeborg Holm, film del 1913 del regista Victor Sjöström, per l'occasione sonorizzato da Corrado Nuccini (già Giardini di Mirò) insieme con Iosonouncane e Enrico Gabrielli.

«Per la sonorizzazione di Ingeborg Holm – ha spiegato Nuccini – ho scelto di lavorare con Iosonouncane e Enrico Gabrielli perché ne apprezzo non soltanto la musica, ma l’attitudine e l’approccio. L’intenzione è portare in scena una trama musicale che renda giustizia alla bruciante attualità del social drama di Sjöström. Dal 1913 a oggi sono passati più di cento anni, ma non per le tematiche, quindi la musica sarà contemporanea: pulsazioni elettroniche, sintetizzatori, riverberi e delay, ma anche sassofoni e chitarre elettriche. Una trama sonora avvolgente dall’elettronica minimale all’ambient, passando per il post rock, un unico suono che ben si sposi con la pellicola».

Il giornale della musica è media partner di SEEYOUSOUND 2018.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

Confermato il bonus strumenti musicali: gli studenti di musica possono ottenere il 65% di sconto, fino a un massimo di 2500 euro

Vince per la colonna sonora di La forma dell'acqua. La miglior canzone è "Remember Me", da Coco.

Alla Punta della Dogana di Venezia Ernst Reijseger, Laibach, Mouse on Mars, Laurel Halo e Matthew Herbert