Parma: nuove nomine

Al Teatro Regio Meo e Minghetti

News
classica
Dopo la chiusura senza esito del bando di selezione per il nuovo direttore generale, il sindaco di Parma e presidente della Fondazione Teatro Regio Federico Pizzarotti ha nominato per chiamata diretta Anna Maria Meo Direttore generale e Barbara Minghetti Consulente per lo Sviluppo e i Progetti speciali della stessa Fondazione Teatro Regio di Parma, secondo quanto deliberato dal Consiglio di Amministrazione riunitosi lo scorso 26 gennaio. Anna Maria Meo, calabrese di origine stabilita da 35 anni a Firenze, laureata in Lettere (Storia della musica) all'università di Siena, è, tra gli altri incarichi, dal 1994 ad oggi Direttore organizzativo e amministrativo dell'Associazione Teatro Del Carretto. Barbara Minghetti, nata a Milano e laureata in Filosofia, dirige il Teatro Sociale di Como e ricopre, dal 2009, anche la carica di presidente di AsLiCo (Associazione Lirica Concertistica Italiana). Tra le reazioni, il consigliere comunale dell'Udc Giuseppe Pellacini sostiene che si tratta di "Una risposta assolutamente inadeguata. Dove non sono riusciti Fontana e Arcà - si chiede -, come potrà ora riuscire la nuova dirigente che a un primo esame del curriculum appare molto più limitata e comunque lontana dal teatro d'opera?". Più duro il parlamentare Pd Giorgio Pagliari, che dichiara: "Semplicemente scandaloso e indegno". Dal canto suo Pizzarotti ha dichiarato: "Dopo i primi due anni di risanamento questo sarà un periodo legato alla progettualità, allo sviluppo e all'internazionalizzazione del nostro teatro. Lo sviluppo del Regio è la cosa più importante e non spegnersi lentamente vuol dire anche cercare risorse e realizzare progetti. Passare da una piccola stagione solo per i parmigiani a un festival che possa consolidarsi a livello internazionale".

a.r.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto