In Mo Yang vince il Paganini

Genova: il violinista coreano ha 19 anni

News
classica
In Mo Yang, Corea del sud, 20 anni da compiere è il trionfatore del 54° Concorso Internazionale per violino "Premio Paganini". La manifestazione riproposta a cinque anni dalla sua ultima edizione ed affidata per la prima volta alla direzione di Fabio Luisi si è conclusa domenica pomeriggio al Carlo Felice con l'esibizione dei sei concorrenti ammessi alla fase finale. Tecnica straordinaria, Yang (allievo tra gli altri di Miriam Fried, vincitrice del Premio nel 1968) ha offerto una esecuzione del primo Concerto di Paganini straordinaria ottenendo una autentica ovazione da parte del folto pubblico. Il giovanissimo coreano ha anche ottenuto il premio "Enrico Costa" come concorrente più giovane, il Premio "Amici del Carlo Felice e del Conservatorio" per la migliore esecuzione del pezzo contemporaneo commissionato a Ivan Fedele ("Thrilling Wings") e il premio "Ruminelli" assegnato sulla base di una votazione da parte del pubblico. Al secondo posto la giapponese Fumika Mohri, seguita dal tedesco Albrecht Menzel, dalla russa Diana Pasko, dall'americana Elly Suh e dal lettone Dainis Medjaniks. Al Premio (che ha da quest'anno cadenza triennale) si erano iscritti un centinaio di violinisti, una trentina dei quali erano stati selezionati nel corso di quattro audizioni svolte fra ottobre e novembre a Genova, Vienna, Tokyo e New York. Dei 30 ammessi, sedici erano stati poi promossi alle semifinali e sei, appunto alla prova conclusiva con l'orchestra del Carlo Felice diretta con qualche difficoltà dalla cinese Yi-Chen Lin.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L'intellettuale milanese che ha guidato il Regio di Torino e il San Carlo di Napoli è morto il 21 luglio a Milano

classica

Il direttore inglese è il nuovo direttore artistico di Anima Mundi

classica

Pesaro: oltre al programma musicale, varie iniziative straordinarie per celebrare il centocinquantesimo anniversario della morte di Rossini