Per i 100 anni di Tito Gobbi

Mostre e dvd

News
classica
Anniversari per ricordare, e anche per intersecare vicende artistiche ed umane di grandi personaggi della nostra storia. Accade così che le celebrazioni dei cento anni dalla nascita del baritono Tito Gobbi coincidano con i duecento di Giuseppe Verdi e nel novero degli eventi l'uno si inserisca nell'altro. Due mostre verdiane in apertura a Roma (Complesso del Vittoriano dal 6 dicembre, Accademia dei Lincei dal 12 dicembre) esporranno documenti e memorabilia del grande cantante (costumi di scena, documenti, registrazioni). Presso la New York University nel mese di ottobre era stata allestita la mostra Tito Gobbi meets Giuseppe Verdi: Voice, Stage, Imagination. Ma la coincidenza tra compositore e cantante non costituisce altro che una minima parte delle iniziative a raggio internazionale, davvero numerosissime, che l'Associazione Tito Gobbi animata dalla figlia Cecilia coordina e promuove in questa ultima parte dell'anno. Pubblicazioni in primis, e poi concerti operistici, conferenze, proiezioni di film e di opere, trasmissioni radiofoniche e televisive, una serie di eventi che testimoniano oltre all'importanza anche la poliedricità di una personalità artistica di primo piano. L'anniversario ha mobilitato i grandi teatri del mondo che hanno ricordato con serate e iniziative. Ecco allora la dedica di una serata dalla Lyric Opera di Chicago, dal Metropolitan Opera di New York con trasmissioni speciali nel proprio canale radiofonico, dalla Los Angeles Opera con una mostra in aggiunta, dalla Royal Opera House Covent Garden di Londra con una pubblicazione, dal Teatro alla Scala di Milano con in più una conferenza. Molte le trasmissioni radiofoniche nei canali radio di emittenti statunitensi europee ed australiane tra cui lo special di due ore "Tito Gobbi. Master singer" prodotto dalla radio statunitense WFMT in cui sono alternati brani di registrazioni di Gobbi a testimonianze di Renata Scotto, Thomas Hampson, Ruggero Raimondi, James Conlon. Ancora trasmissioni in Italia prodotte da RAI- Radiotre e dalla Radio Web RAI WR6. Tra i media internazionali un ampio servizio è stato realizzato dalla rivista inglese Gramophone sul suo ruolo di didatta (Masterclass) e il Gotlieb Archival Centre della Boston University ha realizzato e una mostra online di documenti donati dalla figlia nel 2004.
In Italia le celebrazioni, iniziate a Bassano del Grappa, città d'origine di Tito Gobbi, sono proseguite a Roma, Milano e, da dicembre in poi a Venezia, Napoli e Parma. Al centro delle attività il dvd del Centenario, prodotto dall'Associazione in collaborazione con ICA Classics, che riporta alla luce una selezione di eccezionali performance tratte dalla serie televisiva della BBC Great Characters of Opera. Tito Gobbi vi appare in pezzi antologici nelle vesti di tre personaggi che ben rappresentano la sua carriera di interprete: Rigoletto, Gianni Schicchi e Scarpia. Lo studio con cui Gobbi affrontava ogni ruolo viene documentato tra l'altro dai suoi schizzi inediti del profilo e della postura dei personaggi, pubblicati nel libretto annesso al dvd. Presentata in ottobre a Roma al Parco della Musica in un incontro celebrativo alla presenza di Bruno Cagli e Renata Scotto, la pubblicazione è stata al centro anche dei numerosi appuntamenti organizzati presso i teatri d'opera italiani, dal Teatro alla Scala di Milano al Teatro dell'Opera di Roma, dal Teatro San Carlo di Napoli ai prossimi appuntamenti al Regio di Parma (12 febbraio) e alla Fenice di Venezia (16 gennaio). In quest'ultima sede verrà presentato un ulteriore DVD in uscita, sempre a cura dell'Associazione Tito Gobbi: la ripresa RAI di Otello di Verdi in una produzione del Teatro La Fenice realizzata nel cortile di Palazzo Ducale nel 1966, direttore Nino Sanzogno. Gobbi
Carla Di Lena

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi

classica

Il pianista Andrea Lucchesini sarà il nuovo direttore artistico dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Otto produzioni operistiche e un ricchissimo programma di concerti fino al 30 agosto