GAMO in festa a Firenze

Il Gruppo aperto musica oggi al Museo del Novecento di Firenze, dal 29 ottobre

News
classica
AJO Ensemble GAMO Firenze
AJO Ensemble

Il trentottesimo festival del GAMO (Gruppo aperto musica oggi), dal 29 ottobre al 10 dicembre, sarà al Museo del Novecento di Firenze: in cartellone quasi tutti concerti domenicali, alle 11 di mattina, in cui spiccano molte nuove produzioni, nuove collaborazioni, progetti di notevole originalità, in particolare dedicati alla voce cantata, parlata, registrata, manipolata in tutto lo spettro delle sue potenzialità.

Il 29 ottobre l'apertura è infatti con Voice Drums Noise, ossia il percussionista Simone Beneventi in trio con le voci di Andreas Fischer e Truike Van Der Poel, in un programma in cui spicca la prima esecuzione assoluta di Moira per mezzo soprano, basso e violoncassa di Lucio Garau. Nella ricorrenza dei dieci anni dalla morte di Karlheinz Stockhausen, il maestro tedesco è ricordato il 5 novembre dal pianista Duccio Beverini, con la rilevante performance del l'esecuzione dei Natürliche Dauern (Durate Naturali, 2005-2006).

Domenica 26 novembre (ma stavolta alle 21) c'è il GAMO Ensemble diretto da Francesco Gesualdi (condirettore attuale dell'associazione assieme al fondatore Giancarlo Cardini) in una selezione di nuove musiche in cui spicca la prima esecuzione assoluta della versione per sax baritono concertante di Mi lirica sombra di Alessandro Solbiati, con la partecipazione del sassofonista Mario Marzi a cui il brano è dedicato. Il giorno dopo, lunedì 27 novembre (ancora alle 21), The Counterpoint Project: Sound-Light Constructs, progetto per voce recitante e quattro strumenti nato dalla collaborazione tra il compositore fiorentino Diego Minciacchi e il musicista norvegese James Clapperton, interpretato dai musicisti norvegesi dell'AJO Ensemble: un'originale riflessione sul buio e sulla solitudine del Nord estremo, nata con il supporto di Arts Council Norway e Det Norske Komponistfond e il sostegno della SIAE (per il progetto SIAE Classici di Oggi, che per ciò che riguarda il Gamo avrà una prosecuzione anche nella primavera del 2018 con altre produzioni.

Domenica 3 dicembre appuntamento con il chitarrista e compositore serbo Dusan Bogdanovic, e davvero affascinante la conclusione, domenica 10 dicembre, con Ophelia Suite, la nuova produzione GAMO eseguita dal GAMOEnsemble su musiche originali di Stefano Pierini, rivisitazione dell'eroina shakespeariana con il soprano Ljuba Bergamelli e i versi e le parole di Shakespeare, Kierkegaard, Rilke, De Nerval e Sylvia Plath. Ingresso 5 euro, informazioni su www.gamo.it.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

La scomparsa del baritono: aveva 55 anni

classica

Napoli: Fanciulla del West diretta da Valčuha

classica

Nicola Sani lascia “consensualmente” l’incarico; proposto come sostituto Fulvio Macciardi