Xylouris-White, da Creta all'Australia

Terzo, magnifico disco del duo lauto-batteria di Georgios Xylouris e Jim White dei Dirty Three

Xylouris-White, Mother
Foto di Manolis Mathioudakis
Disco
world
Xylouris-White
Mother
Bella Union
2018

È il terzo disco per il duo Xylouris-WhiteMother segue l'esordio Goats (2014) e Black Peak (2016), e una lunga attività dal vivo a metà tra club rock e festival di world music.

Ammetto di avere un debole per il duo Xylouris-White. Il fatto è che ci sono dischi che ti riconciliano con molti generi tutti insieme, dischi così semplicemente semplici e senza fronzoli – e insieme freschi, nuovi, diversi – che fanno credere che in quel mondo sfumato delle musiche “di tradizione” che guardano al contemporaneo ci siano ancora delle cose importanti da dire, e che sia possibile farlo senza tanti giri di parole. E Mother fa tutto questo benissimo.

Xylouris è un cognome importante per la musica di Creta: Georgios (classe 1965), virtuoso del lauto, è figlio di Psarantonis (Antonis Xylouris, 1942) e suo zio è Nikos (1936-1980), eroe della canzone cretese, e anche greca (è stato la voce della dissidenza contro il Regime dei Colonnelli). La famiglia Xylouris – almeno, un ramo fra i suoi molti – si è trasferita da tempo in Australia (dove esiste una ricca comunità di emigrati dalla Grecia). Lì Georgios suona come professionista dall’età di 12 anni, e ha incontrato una delle glorie alternative del rock del continente, Jim White, batterista noto soprattutto come parte dei Dirty Three – il favoloso trio capitanato dal violinista Warren Ellis, a sua volta principale collaboratore di Nick Cave –, oltre che come turnista di lusso a fianco di Cat Power, PJ Harvey, Smog, Courtney Barnett e Kurt Vile.

Amici da tempo (oltre 25 anni), i due hanno messo su questo duo tra lauto (spesso suonato in un amplificatore, con una “pacca” e un piglio rock) e batteria – tanto improbabile quanto splendido. Canzoni cretesi (cantate dalla bella voce di baritono di Xylouris), lente meditazioni affidate al lauto, sostenuti brani quasi-rock. White è uno dei batteristi più originali in circolazione, con un gusto da free jazz ma un solido groove alt-rock, capace di strizzare ogni possibile colore da un set tutto sommato minimale. Minimale è del resto il disco tutto, con poche aggiunte (un violino, qualche voce ospite e poco altro). Intesa perfetta, e produzione rock affidata a Guy Picciotto dei Fugazi: uno dei dischi del 2018, e siamo solo a febbraio.

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Le canzoni viventi dei Dálava

Il progetto di Julia Ulehla e del chitarrista Aram Bajakian rilegge antiche melodie morave trascritte dal bisnonno della cantante

Jacopo Tomatis
world

Lio, la freschezza di Dorival Caymmi

Un disco Crammed vede la cantante belga (ma portoghese di origine) alle prese con il repertorio del padre nobile della canzone brasiliana

Guido Festinese
world

Otello Profazio, l'uomo-ulivo e la Storia

Esce per Squilibri La storia, il nuovo disco di Otello Profazio (con libro)

Guido Festinese