Voci all'opera

Il nuovo libro di Sonia Arienta

Articolo
classica


Sonia Arienta, Urli, mormorii, silenzi. Sociologia della voce nel melodramma e nel romanzo dell’Ottocento, Carocci 2015.

Arienta analizza l’uso della voce e le strategie retoriche del narratore e dei personaggi da molteplici prospettive: sociologia, psicanalisi, linguistica e lettura ravvicinata dei testi di Hugo, Dickens, Verdi. Perno del discorso gli affondi in Cicerone e Quintiliano, i cui principi di retorica sono verificati nelle didascalie della partitura, nel caso di un’opera, e in quella specie di partitura testuale che informa i dialoghi di una narrazione. Ne risulta un libro singolare, non solo per le numerose osservazioni inedite, ma per il taglio dello studio, che sembra distillato attraverso lunga gestazione, fuso e rifuso più volte. Un testo “organico”, in cui si parte da ipotesi, si conducono esperimenti, per arrivare a conclusioni inaspettate.

Nel corso di due sezioni (La voce del potere, Il potere della voce-suono) e un finale di densa sintesi - ma sono molte le annotazioni ancorate al discorso principale che l’autrice abilmente dissemina nel corso dei capitoli -, Arienta mette a frutto una lunga esperienza di studiosa appartata, regista, drammaturga, scrittrice. Sembra che si parli di dialoghi e duetti, più spesso si parla della comunicazione tra gli umani, della gestione degli affetti, del rapporto personale e storico che tutta la società instaura con l’idea di Rivoluzione. Idea, oggi, beatamente mandata in soffitta e anestetizzata: qui invece è il non detto, l’implicito di ogni scelta, consapevole o meno, degli autori esaminati. Verdi e Dickens ne escono bene (il primo fa da “ponte” al secondo); malissimo Hugo, la cui cattiva coscienza e la svolta reazionaria contraddicono i sensi democratici professati. Nella seconda parte, le letture dei duetti verdiani offrono acquisizioni interpretative su cui sarà utile riflettere. L’analisi delle dinamiche vocali e delle indicazioni retoriche della partitura, indizi di scelte consapevoli, smaschera l’inautenticità e l’immaturità di Alfredo, dalle cui artificiose profferte Violetta (nella foto: Traviata al Teatro Regio di Torino) si lascia convincere, più ingenua di Gilda. Molte definizioni da ricordare, a partire da quella sulla sospetta focosità del Duca di Mantova, laddove è sempre il pudore a caratterizzare i partners sinceri (verdiani e non).

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Intervista al regista Barrie Kosky, dal 2012 alla guida della Komische Oper di Berlino

classica

Il Saggiatore ripropone la raccolta di pezzi di critica musicale del pittore e poeta

 

classica

Firenze: parla il direttore artistico Domitilla Baldeschi