I 20 migliori dischi WORLD del 2017

La classifica dei 20 migliori album world del 2017: l'Archivo Pittoresco e acustico di Lula Pena, dal Portogallo

Lula Pena - I migliori dischi world del 2017
Lula Pena
Articolo
world

I confini della world music sono il mondo stesso, e più che con altre classificazioni si rischia di perdersi qualcosa (anzi: quasi tutto). Ma noi ci abbiamo provato lo stesso: ecco i migliori 20 album del 2017, scelti dal "giornale della musica".

VAI AI MIGLIORI DISCHI JAZZ

VAI AI MIGLIORI DISCHI POP

 

1. Lula Pena, Archivo Pittoresco, Crammed Discs

Se per avere dischi come questi bisogna aspettare anni, quasi da perdere il conto, va bene lo stesso. Lula Pena è percussione e melodia allo stato puro. Astenersi filologi del fado: rischiano di cambiare idea.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

I migliori dischi world del 2017 - Lula Pena

2. Trio Da Kali / Kronos Quartet, Ladilikan, World Circuit

L'infinita flessuosità del canto monodico maliano, cellula possibile del blues, appoggiato su corde e legni da battere, l'infinita eleganza e controllo sui propri legni “classici” che il Kronos adopera quando si misura con “l'altro”.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

I migliori dischi world del 2017: Trio Da Kali e Kronos Quartet

3. Canzoniere Grecanico Salentino, Canzoniere, Ponderosa

Una bottiglia di Coca-Cola piena di salsa di pomodoro, una confezione moderna per un progetto di lunga data, approdato a New York: risultato, uno dei dischi meglio arrangiati di quest’anno.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

I migliori dischi world del 2017: Canzoniere Grecanico Salentino

4. Canio Loguercio e Alessandro D'Alessandro, Canti, ballate e ipocondrie d'ammore, Squilibri

Le ipocondrie del cantante e autore Canio Loguercio, nel suo personalissimo napoletano, arrangiate dall’organetto diatonico e dinamico di Alessandro D’Alessandro sono valsi al duo la Targa Tenco per il miglior album in dialetto.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

I migliori dischi world del 2017: Canio Loguercio e Alessandro d'Alessandro

5. Yasmine Hamdan, Al Jamilat, Crammed Discs

È solo il secondo disco da solista per Jasmine, ma la classe sapiente del suo songwriting irrorato di trip hop che spazia tra i confini mediorentali ci dice che viene da lontano, la ragazza libanese.

i migliori dischi del 2017 - Yasmine Hamdan

6. Fairport Convention, 50:50@50, Matty Grooves

Mezzo secolo. Bel traguardo per il gruppo veterano del folk rock inglese. Che festeggia se stesso dal vivo e in studio, scegliendo fior da fiore. Con classe immutata, e Robert Plant ospite.

Migliori dischi del 2017 - Fairport Convention

7. Melech Mechaya, Aurora, Felmay

Il più rilevante gruppo klezmer dal Portogallo, i “re della festa”: bel peso da portarsi sulle spalle. Dieci anni festeggiati con leggerezza, citando anche fado e minimalismo.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Migliori dischi del 2017: Melech Mechaya

8. Daniele Sepe, Capitan Capitone e i parenti della sposa, Goodfellas

Probabilmente il disco più divertente dell’anno: seconda puntata delle improbabili avventure di Capitan Capitone (alias Daniele Sepe) e della sua ciurma, qui alle prese – fra le altre cose – con una satira della borghesia napoletana.

I migliori dischi del 2017 - Capitan Capitone

9. AA.VV., Ez Kurdistan Im. Musica dal Kurdistan in Italia, Nota Records

Una compilation, curata da Alessandro Portelli e Hevi Dilara, in una serie di dischi (Crossroads) dedicati ai “nuovi italiani”, meritoriamente pubblicati da Nota Records. Scegliamo questo, dedicato al Kurdistan, pieno di grande musica e storie di musicisti che devono essere raccontate.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Migliori dischi del 2017 - Ez Kurdistan Im

10. Saz’iso, At Least Wave Your Handkerchief At Me. The Joys And Sorrows Of Southern Albanian Songs, Glitterbeat

Musiche dall’Albania del Sud (con la produzione di Joe Boyd) con I Saz’iso: una finestra illuminante ed emozionante sulla musica saze, poco battuta dalla discografia.

At Least Wave Your Handkerchief At Me - i migliori dischi del 2017

11. Cabit, Unico figlio, Felmay

Un progetto bicefalo attivo in terra di Liguria, a caccia di tracce della tradizione dell'Avvento: qui letteralmente allo stato carsico, e ritrovate con spirito da etnomusicologi del futuro.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Cabit figlio unico - I migliori dischi del 2017

12. Saeid Shanbehzadeh, Pour-Afrigha, Buda Musique

Le radici africane… in Iran: bella uscita Buda Musique che getta luce sulle musiche dei discendenti degli schiavi di Zanzibar deportati in Persia.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Saeid Shanbehzadeh, Pour-Afrigha - i migliori dischi world 2017

13. Ifiqiyya Electrique, Rûwâhîne, Glitterbeat

Francia e Tunisia a braccetto nel ritmo, quello scandito dalle confraternite sufi, quello nevrotico delle nostre città. François Cambuzat, la bassista Gianna Greco e la comunità Banga assieme: nel battito oscuro.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Rûwâhîne - i migliori dischi del 2017, world music

14. Criolo, Espiral de Ilusão, Oloko Records

Uno dei migliori rapper brasiliani fa un disco politico… di samba: con voce, cavaquinho, percussioni e qualche fiato, Criolo firma una denuncia contro il governo di Temer.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Criolo, Espiral de Ilusão - i migliori dischi del 2017

15. The Henry Girls, Far Beyond the Stars, Own Label

Il Signore della musica ce le conservi, queste sorelline irlandesi assieme da quattordici anni: evidentemente hanno una riserva speciale di ispirazione, humor e freschezza.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

The Henry Girls, Far Beyond the Stars - i migliori dischi world del 2017

16. Tony Allen, The Source, Blue Note

La “fonte” del decano dell’afrobeat – e fra i batteristi più stimati al mondo, già al fianco di Fela Kuti – sono i grandi batteristi jazz. E a 77 anni (ben) suonati, forte di questa dichiarazione di provenienza, Tony Allen debutta per la prestigiosa Blue Note.

 VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Tony Allen, The Source - i migliori dischi world del 2017

17. Orchestra Baobab, Tribute to Ndiouga Dieng, World Circuit

Il ritorno dopo dieci anni dell’orchestra senegalese è un tributo al loro vocalist, scomparso l’anno scorso, e una festa di musica afro-cubana.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Orchestra Baobab, Tribute to Ndiouga Dieng - i migliori dischi del 2017

18. Circolo Mandolinistico San Vito dei Normanni, Dopobarba, Kurumuny

Le tradizioni belle, buone e utili esistono per essere ritrovate e re-inventate: come hanno fatto loro, in Puglia. Piccole corde, tamburi e voci per affrontare ogni materiale di base. Trasfigurandolo.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

Circolo mandolinistico san vito dei normanni - migliori dischi 2017

19. Oumou Sangaré, Mogoya, No Format

La diva maliana torna dopo otto anni con un disco politico e femminista: un album al tempo stesso denso di contenuto e lieve nella forma

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO

I migliori dischi world del 2017 - Oumou Sangare

20. Massimo Donno e la Banda de lu mbroia, Viva il Re!, Squilibri

Mettete assieme una banda del Sud che macina tonanti pentagrammi, il miglior clarinettista italiano (Gabriele Mirabassi) Lucilla Galeazzi e un cantautore ispirato e già segnalato. Et voilà.

Massimo Donno e la Banda de lu mbroia, Viva il Re! - il meglio del 2017

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Il nuovo disco della portoghese Amélia Muge, ARCHiPELAGOS/Passagens, presentato dal vivo a Lisbona

world

A 101 anni è morto l'autore di Musica e trance, fra i padri nobili dell'etnomusicologia mondiale 

world

Contro canto (Donzelli) è il libro di Antonio Fanelli sulla storia del canto sociale in Italia, da Spartacus Picenus al rap