Folk americano, dalla Svezia al Texas

Dischi per The Tallest Man on Earth, Christopher Paul Stelling e Kacey Musgraves

Articolo
pop

The Tallest Man On Earth
Dark Bird Is Home
Dead Oceans

Christopher Paul Stelling
Labor Against Waste
ANTI-

Kacey Musgraves
Pageant Material
Mercury

Tra le cose più interessanti che può vedere un appassionato di musica in questo periodo a New York c'è una mostra: si svolge fino al 29 novembre, al Museum of the City of New York (sulla 5th Avenue) e si intitola Folk City: New York and the Folk Music Revival, a cui è anche abbinato un omonimo libro ricco di immagini (gli autori sono Stephen Petrus e Ronald D. Cohen).

Il tema dell'esibizione è, come potete immaginare, il ruolo che ha avuto negli anni Cinquanta e Sessanta la grande metropoli statunitense (e soprattutto il suo Greenwich Village) nel recuperare e valorizzare una tradizione niente affatto urbana ma assolutamente rurale come quella della musica folk. Insomma, quello straordinario microcosmo che i fratelli Coen hanno recentemente celebrato nel loro A proposito di Davis. Così, nella mostra (e nel libro), potete trovare oggetti, immagini, manifesti, strumenti musicali legati ad artisti come Pete Seeger, Odetta, Lead Belly, Eric Andersen, Phil Ochs e ovviamente Bob Dylan.

Ispirati da questo evento culturale, ci permettiamo di parlarvi di alcuni nuovi album che potremmo globalmente definire "folk" e che ci hanno colpito particolarmente. Iniziamo proprio con un cantautore che dal suono del Greenwich Village anni Sessanta ha sempre tratto ispirazione, richiamandosi - via Bob Dylan - ad artisti del passato come Robert Johnson e Woody Guthrie. Si chiama Kristian Mattson, usa uno pseudonimo divertente ("L'uomo più alto del mondo") e - a sorpresa - viene dalla provincia di Dalarna, nella Svezia centrale.



Armato spesso e volentieri della sola chitarra acustica (o del banjo) e di una bella voce nasale e un po' rauca, è diventato uno dei nostri beniamini fin dall'album di debutto quasi lo-fi, Shallow Grave (2008), e soprattutto grazie al successivo, il magnifico The Wild Hunt (se non lo conoscete, vi preghiamo, recuperate almeno il pezzo "King of Spain"). Dark Bird Is Home è il suo quarto lavoro, il più ricco da un punto di vista musicale, a tre anni da There's No Leaving Now, dove già gli arrangiamenti avevano iniziato ad essere meno scarni e minimali. Registrato col produttore BJ Burton (Megafaun, Volcano Choir, S. Carey) tra la sua casa in Svezia e il Wisconsin (ospite: Mike Noyce dei Bon Iver) e scritto in giro per il mondo, racconta di viaggi, di distanze e di lontananza, di relazioni interrotte (compresi il suo matrimonio fallito e un grave lutto in famiglia) e lo fa con brani dove si incontrano ottimismo e molta malinconia, il talentuoso fingerpicking di Mattson e tessiture sonore inusualmente complesse e ricche che comprendono piano, synth, archi, fiati e persino, in alcuni brani, percussioni.

Dieci pezzi uno più bello dell'altro che, se hanno ricordato a qualcuno Jackson Browne, Bruce Springsteen e persino i Dire Straits, a noi sono semplicemente sembrati il naturale sviluppo di una storia musicale coerente e personale (nel tour, che il 15 ottobre toccherà Milano, Mattson è accompagnato da una vera e propria band). I nostri preferiti: "Slow Dance", "Sagres" (dedicato alla località portoghese), "Dark Bird Is Home" e soprattutto la bellissima "Timothy", dove un clarinetto colora di tristezza la solo apparente allegria.

Anche Christopher Paul Stelling è un cantautore folk innamorato della tecnica del fingerpicking, che ha imparato ascoltando vecchie glorie del passato come il banjoista Dock Boggs o chitarristi come Skip James, John Fahey naturalmente e soprattutto il suo preferito: Dave Van Ronk (1936-2002). Vive a Brooklyn ma è originario della Florida: questo Labor Against Waste è il terzo album, il primo per un'etichetta importante, la stessa di Tom Waits. I suoi brani appassionati, malinconici ma mai disperati, mescolano temi spirituali a questioni molto umane e sono un invito a vivere la vita lasciando perdere le cose più futili. Al centro di tutto la sua voce intensa e soprattutto la chitarra, a cui si intrecciano con discrezione banjo, armonica, archi (violino, violoncello), ottoni (corno e flicorno), qualche rara percussione e la bella voce di Julia Christgau. Dieci pezzi nati quasi tutti on the road, vista la sua intensa attività live, che si muovono tra folk, blues, country, bluegrass e persino flamenco. Basterebbero "Warm Enemy" (metafora di una triste vita comoda), l'epica "Death of Influence" e "Too Far North" per rendere Stelling un nome da tenere d'occhio da ora in poi.



Con ci spostiamo da un punto di vista geografico in Texas e - da quello musicale - in territorio country. Per il suo quinto album (il secondo per una major) ha scelto lo storico RCA Studio A di Nashville, recentemente salvato dalla distruzione e in passato usato da Dolly Parton, Elvis Presley e Beach Boys. Un lavoro attesissimo dopo il successo di Same Trailer Different Park (due Grammy nel 2014: miglior album country e miglior canzone country per il singolo "Merry Go 'Round") che ha suscitato enorme interesse non solo per le capacità vocali e musicali della nostra Kacey, ma anche per il carattere innovativo delle sue piccole storie di provincia, amare e ironiche, che spesso trattavano temi come droga, sesso occasionale e relazioni gay, decisamente inauditi in un genere così tradizionalista come il country.



Frutto ancora una volta della sua collaborazione con Shane McAnally e Luke Laird, Pageant Material conferma la fama di outsider della cantante ventiseienne, non proponendo l'album piacione e commerciale che magari alcuni immaginavano a questo punto della sua carriera, ma quattordici intelligenti pezzi country pop con testi mai banali, dove si interroga sulla propria identità, ora che per certi versi è diventata qualcuno. Chi ama il suono della pedal steel, del banjo e le belle armonie vocali e magari non cessa di riguardarsi Nashville e Radio America di Robert Altman, troverà in quest'album pane per i suoi denti. Ma anche se non avete questa predisposizione, iniziate con pezzi come "Dime Store Cowgirl", "Biscuits" o "Cup of Tea" e capirete l'entusiasmo unanime della critica americana per quella che potrebbe sembrare a prima vista un semplice clone di Taylor Swift. Tra l'altro: il pezzo nascosto finale è una cover di "Are You Sure" di Willie Nelson e la voce maschile che sentite è proprio quella del celebre cantautore country con trecce e bandana.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Gli ultimi tre anni della vita di Nico nel lungometraggio di Susanna Nicchiarelli, vincitore nella sezione “Orizzonti” all’ultimo Festival di Venezia

pop

L’eco dell’ultimo decennio del Novecento si riverbera nei nuovi lavori di Cristina Donà, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti

pop

La morte del bassista dei Can, e la sua influenza sulla musica pop del secondo Novecento