Botany, jazz cosmico ad alto volume

Il nuovo lavoro del produttore texano Spencer Stephenson

Articolo
oltre

BOTANY

Deepak Verbera

Western Vinyl

Potremmo cominciare dalla premessa posta dall’autore, esposta con dovizia di dettagli nelle note di copertina. L’opera è frutto del suo tentativo di ricreare le musiche registrate nei primi anni Settanta dall’argentino Horris E. Campos, “viaggiatore mistico” che a sua volta aveva provato a emulare le vibrazioni sonore usate per comunicare dalle forme di vita aliena con le quali sosteneva di essere entrato in contatto: reperti audio andati perduti in un incendio.

Del signor Campos, tuttavia, non si trova alcuna traccia sul web o altrove. È dunque ragionevole ritenere che si tratti di un’invenzione del texano Spencer Stephenson, in arte BOTANY: originariamente batterista jazz e poi produttore di hip hop astratto, come testimoniano i due album precedenti. Questo nuovo, intitolato associando il vocabolo hindi deepak (sorgente di luce) al latino verbera (flagelli), tende a situarsi viceversa in una zona intermedia fra lo spiritualismo jazz di Alice Coltrane e le scorribande “cosmiche” dei Popol Vuh: una sorta di ambient music percorsa da sottili impulsi d’irrequietezza, confezionata campionando vecchi dischi in vinile, mettendo voci in loop e manovrando sintetizzatori analogici.

Quando la relazione tra i vari fattori in gioco raggiunge un punto di equilibrio, ad esempio in “Burning From the Edges Inward” (dove la grafia minimalista rimanda a Terry Riley) o negli episodi in cui affiorano gli echi dei trascorsi da jazzista avant-garde del protagonista (“Outer Verberum” e “Needam/Wish To”), l’effetto è davvero suggestivo, mentre in altri casi ci si accosta invece per inerzia a certe leziosità new age, come avviene in “Appears (Mini Verberum)” e “Orange Hits the Pupil”. Nell’insieme, comunque, Deepak Verbera offre un’esperienza d’ascolto insolita e avvincente, soprattutto se si segue l’esortazione di Stephenson: «È musica concepita per essere ascoltata ad alto volume».

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

oltre

Il musicista britannico in Italia per lo spettacolo Kuriosho al festival Electropark Exchanges

oltre

Buon successo della prima edizione ionica del Medimex: qualche riflessione a margine di un progetto di industria culturale

oltre

Il network di artisti e label romana Stochastic Resonance: modelli di gestione collettiva tra musica elettronica, arti visive e teatro