Berlino, improvvisazione in mostra

Underground + Improvisation è la mostra che l'Akademie der Künste dedica ai rapporti tra musica alternativa e arte dopo il 1968.

Underground + Improvisation - Berlino
Happening a Průhonice, aprile 1969
Articolo
jazz

Chi capitasse a Berlino in queste settimane (più precisamente dal 15 marzo al 6 maggio) non dovrebbe perdersi la splendida iniziativa Underground + Improvisation che l’Akademie der Künste dedica ai rapporti tra musica alternativa e arte dopo il 1968.

Riprendendo e allargando il lavoro di documentazione sulle attività della FMP / Free Music Production già presentato con successo a Monaco lo scorso anno, con la curatela di Markus Müller, Louis Rastig e Sergej Newski, l’iniziativa abbina una ampia ricognizione dello straordinario fervore nell’ambito della musica improvvisata di quegli anni, la tensione tra i movimenti d’avanguardia dell’Est e dell’Ovest (categorie allora particolarmente significative) e il dialogo con le arti visive di nazioni di oltre cortina come Polonia, Cecoslovacchia, Ungheria, Jugoslavia.

Underground + Improvisation - Berlino

La mostra sulla FMP è ricca di registrazioni, documenti, fotografie, poster, interviste, nonché di alcuni video inediti che provengono dall’archivio del fondatore Jost Gebers.

Ma non meno interessante sono il programma di conversazioni e conferenze sulla scena della musica improvvisata dell’Europa Orientale di quegli anni e il ghiotto cartellone di concerti, che – dando profondità culturale e temporale all’iniziativa – non si limita a celebrare alcuni nomi storici, ma presenta anche uno stimolante panorama della scena attuale.

Spazio dunque a nomi come Vladimir Tarasov, Rüdiger Karl, Connie Bauer (in trio con William Parker e Hamid Drake martedì 20 marzo) e, ovviamente, Peter Brötzmann, che il 6 e 7 aprile dividerà il palco con compagni di ieri e di oggi come Han Bennink e Heather Leigh, Alex Von Schlippenbach, Andrew Cyrille e Keiji Haino.

Ma anche, nel fitto programma del 20 e 21 di aprile, una riflessione sul ruolo delle musiciste nell’improvvisazione (ci saranno Joëlle Leandre, Mette Rasmussen, Kaja Draksler, Ada Rave) e altre tavole rotonde e concerti che coinvolgeranno tra gli altri i Neue Vocalsolisten.

In chiusura di iniziativa, ai primi di maggio, il doveroso ricordo di Peter Kowald, un duo imprevedibile composto da Steve Noble e Stephen O’Malley e una “all star” del jazz creativo di oggi con Ken Vandermark, Nate Wooley, la Rasmussen, Magda Mayas, Mats Äleklint e altri.

Considerando che di questi tempi un biglietto per Berlino costa meno che un viaggio in treno per una qualsiasi città a più di due ore di distanza, in più d’uno potrebbero farci un pensiero anche dall’Italia. Ne vale certamente la pena!

Tutte le informazioni sul sito dell'Akademie der Künste.

Underground + Improvisation - Berlino
Günter “Baby” Sommer, Peter Kowald, Wadada Leo Smith al club Flöz, 1979

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

jazz

Cinque storici pezzi per tastiera per scoprire Drive!, il nuovo progetto del pianista Giovanni Guidi insieme al bassista Joe Rehmer e al batterista Federico Scettri: 

jazz

Una playlist esclusiva con le 10 novità jazz più interessanti del mese, tutte da ascoltare

jazz

Intervista al musicista pugliese, parte del collettivo desuonatori e leader del gruppo Bestiario