Volume e fusion

Lo Scott Henderson Trio a Corinaldo Jazz

Recensione
jazz
Corinaldo Jazz Corinaldo
09 Agosto 2013
Si è conclusa da poco, con il concerto del trio di Scott Henderson, la quindicesima edizione di Corinaldo Jazz, la rassegna diretta da Andrea Venturi che si tiene in quello che è stato ufficialmente riconosciuto come il "borgo più bello d'Italia", immerso tra le dolci colline marchigiane. Quest’anno il programma del festival si presentava decisamente meno ricco di quanto ricordavamo: solo due le date rispetto alla scorsa edizione (il concerto d’apertura vedeva sul palco il quartetto di Paolo Di Sabatino con ospite il chitarrista Umberto Fiorentino). Ad accompagnare Scott Henderson – durante la sera del 9 agosto scorso – il batterista Travis Carlton e il bassista Alan Hertz, abili nel plasmare la materia sonora dell’universo fusion sostenendo al tempo stesso le cartavetrate rumoristiche del leader e le sue escursioni nei territori del rock. Quelli di Henderson sono lunghi fraseggi giocati quasi completamente su un unico piano sonoro, portato – ma sarebbe meglio dire "spinto" – costantemente verso il massimo del volume (un po' "à la manière de" Louis Andriessen, se è possibile azzardare un paragone di questo tipo). Pochissime le pause per prendere un respiro. Tra i brani eseguiti una fiammeggiante versione di “All Blues” di Miles Davis e “Peace” di Horace Silver (introdotta da un lungo preludio di chitarra prima di arrivare al tema in trio), a cui si sono affiancati – per la gioia dei presenti – una serie di omaggi ad alcune delle colonne portanti della storia dei Weather Report: da Wayne Shorter a Jaco Pastorius, passando per Joe Zawinul (con cui Henderson aveva collaborato in veste di sideman nelle incisioni dei Zawinul Syndicate).

Interpreti: Scott Henderson, chitarra Travis Carlton, basso elettrico Alan Hertz, batteria

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Sul palco del Teatro Fabbricone di Prato per Metjazz 2018 Simone Graziano Snailspace e Ghost Horse di Dan Kinzelman

jazz

Memorabile concerto di Peter Brötzmann alla Sala dei Giganti del Liviano di Padova, con William Parker e Hamid Drake

jazz

Al Teatro Candiani di Mestre Paolo Botti & La fabbrica dei botti presentano Lomax lives!, presto su disco