Volume e fusion

Lo Scott Henderson Trio a Corinaldo Jazz

Recensione
jazz
Corinaldo Jazz Corinaldo
09 Agosto 2013
Si è conclusa da poco, con il concerto del trio di Scott Henderson, la quindicesima edizione di Corinaldo Jazz, la rassegna diretta da Andrea Venturi che si tiene in quello che è stato ufficialmente riconosciuto come il "borgo più bello d'Italia", immerso tra le dolci colline marchigiane. Quest’anno il programma del festival si presentava decisamente meno ricco di quanto ricordavamo: solo due le date rispetto alla scorsa edizione (il concerto d’apertura vedeva sul palco il quartetto di Paolo Di Sabatino con ospite il chitarrista Umberto Fiorentino). Ad accompagnare Scott Henderson – durante la sera del 9 agosto scorso – il batterista Travis Carlton e il bassista Alan Hertz, abili nel plasmare la materia sonora dell’universo fusion sostenendo al tempo stesso le cartavetrate rumoristiche del leader e le sue escursioni nei territori del rock. Quelli di Henderson sono lunghi fraseggi giocati quasi completamente su un unico piano sonoro, portato – ma sarebbe meglio dire "spinto" – costantemente verso il massimo del volume (un po' "à la manière de" Louis Andriessen, se è possibile azzardare un paragone di questo tipo). Pochissime le pause per prendere un respiro. Tra i brani eseguiti una fiammeggiante versione di “All Blues” di Miles Davis e “Peace” di Horace Silver (introdotta da un lungo preludio di chitarra prima di arrivare al tema in trio), a cui si sono affiancati – per la gioia dei presenti – una serie di omaggi ad alcune delle colonne portanti della storia dei Weather Report: da Wayne Shorter a Jaco Pastorius, passando per Joe Zawinul (con cui Henderson aveva collaborato in veste di sideman nelle incisioni dei Zawinul Syndicate).

Interpreti: Scott Henderson, chitarra Travis Carlton, basso elettrico Alan Hertz, batteria

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

A Fano Jazz by the Sea di scena Andy Sheppard, Bill Frisell e Federica Michisanti, inaspettatamente sul main stage

jazz

La favolosa musica del sassofonista, con il progetto Five Elements alla Casa del Jazz di Roma, si accende solo a tratti

jazz

A Villa Arnò per Albinea Jazz, in provincia di Reggio Emilia, il trio di Dave Holland, Chris Potter e Zakir Hussain