Un vestito nuovo per Fred Frith

L’Angelica Orchestra diretta da Domenico Caliri rigenera la musica del chitarrista inglese

Foto Massimo Golfieri
Foto Massimo Golfieri
Recensione
oltre
Angelica Festival Bologna
14 Maggio 2016
Per tre serate consecutive Angelica Festival, giunto alla ventiseiesima edizione, ha puntato i riflettori su Fred Frith, fornendo tre diversi ritratti del suo mondo musicale. Nella produzione originale del secondo appuntamento, diciotto episodi tratti da suoi lavori composti fra il 1979 e il 2005 sono stati trascritti e arrangiati da Domenico Caliri per l’Angelica Orchestra. L’ensemble, appositamente costituito, comprendeva due sax, tre archi, tre chitarre, due tastiere e campionamenti, una batteria e percussioni: sezioni strumentali che a turno sono emerse in evidenza, sovrapponendosi o alternandosi fra loro in suggestivi impasti armonici, melodici e cromatici. I brevi brani, mai soffermati con compiacimento su insistenze o situazioni accattivanti, si concatenavano dialetticamente o transitavano con naturalezza l’uno nell’altro, formando una suite organica, suddivisa in tre parti e della durata di settanta minuti. È balzata quindi in primo piano la caratteristica determinante di quest’ammirevole rielaborazione del materiale originario di Frith: un movimento continuo, alimentato dall’alternarsi di turgori e rilassamenti, di luci e offuscamenti, di sorprese e ripensamenti, un insopprimibile senso dinamico, retto da metriche infallibili anche nei momenti di maggiore alea. Si sono così susseguiti suadenti minimalismi di matrice inglese, progressioni avvolgenti e sussulti eccentrici, collettivi pieni e fremiti marginali… Come in altre occasioni passate, sempre propiziate da Angelica, il lavoro orchestrale organizzato da Caliri è risultato di alto valore strutturale e di grande impatto, originando una sorta di musica contemporanea, rigorosa nella sua variegata qualità sonora, che ha incluso sprazzi d’improvvisazione molto controllati ed ha saputo filtrare e trasfigurare suggestioni di origine folk o rock, medievale o ambient.

Interpreti: Daniele D'Alessandro: sax alto; Canio Coscia: sax tenore; Daniele Negrini: violino; Michele Foresi: viola; Başak Canseli Çifci: violoncello; Michele Maccarini: tastiere, campionamenti; Cecilia Stacchiotti: tastiere, campionamenti; Walter Zanetti: chitarra elettrica, chitarra classica; Daniele Faraotti: chitarra elettrica, chitarra acustica; Tiziano Zanotti: basso elettrico; Lorenzo Amoroso: batteria, percussioni, percussioni elettroniche.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

La prima di Atlas 101 del compositore veneziano al Teatro Comunale di Treviso, una spy story onirica fra jazz-rock e contemporanea

oltre

Debutto italiano per il capolavoro di Mozart in versione multietnica

oltre

Kamasi Washington vs. Arca a Club to Club 2017, alla ricerca della musica del futuro