Un qu'art de siècle con Vinicio

Capossela in forma smagliante celebra i suoi 25 anni di musica

Foto Alessandra Freguja
Foto Alessandra Freguja
Recensione
pop
Gran Teatro La Fenice Venezia
20 Dicembre 2015
Il 2015 è stato un anno importante per Vinicio Capossela: un nuovo libro ([i]Il paese dei Coppoloni[/i], candidato al premio Strega), il successo crescente del Calitri Sponz Fest (di cui è direttore artistico) e il raggiungimento di diversi traguardi. Primo fra tutti, quello dei 25 anni di carriera. Con “Qu’Art de Siècle” Vinicio celebra metà della sua esistenza spesa per la musica e lo fa con quattro concerti a tema in altrettante location italiane di grande prestigio. Il concerto a La Fenice – luogo di per sé estremamente evocativo – ospita un Capossela in forma smagliante, accompagnato dai suoi collaboratori storici e da Mario Brunello (violoncello) e Danilo Rossi (viola), che impreziosiscono con i loro strumenti quasi tutti i brani. La città lagunare offre a Vinicio il tema centrale – i naufragi, veri o allegorici – su cui impostare una scaletta che pesca soprattutto da [i]Canzoni a manovella[/i] ("Bardamù", "Canzone a manovella", "Marajà", "Solo mia") e [i]Marinai, profeti e balene[/i] ("L’oceano oilalà", "Pryntyl", "La lancia del Pelide", "Le Pleiadi"), senza dimenticare qualche chicca degli anni novanta come "Corvo torvo", "Modì" e "All’una e trentacinque circa" (le ultime due proposte nei bis). C’è spazio persino per un sipario colto: Brunello da solo sul palco interpreta un brano dalla sua [i]Odusia[/i], e poi, con Rossi, un focoso adattamento della "Passacaglia" di Händel. Capossela torna cantando i Sonetti di Michelangelo (da [i]Renaissance[/i] di Eidel), e invocando infine pietas e speranza per questo difficile momento storico. Lo show si chiude con una versione da brividi di "S.S. dei Naufragati" e "Ovunque proteggi". «Non capita tutti i giorni di suonare in un posto così», dice alla fine dei bis, a giustificare le tre ore ininterrotte di musica. E sfidiamo chiunque a non essere d’accordo con lui.

Interpreti: Vinicio Capossela (voce, pianoforte), Vincenzo Vasi (theremin, effetti), Mauro Ottolini (ottoni), Glauco Zuppiroli (contrabbasso), Zeno De Rossi (batteria), Alessandro “Asso Stefana” (chitarre), Mario Brunello (violoncello), Danilo Rossi (viola)

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

La band svizzera, reduce dai Mondiali di Calcio in Russia, è planata al Labirinto della Masone di Parma

pop

Dopo trentotto anni i Madness tornano a Torino, ma la voglia di divertirsi è rimasta immutata

pop

Reportage dal festival Colours of Ostrava, in Repubblica Ceca: quattro giorni di musica nell'ex "cuore d'acciaio" della Cecoslovacchia