Un arcano cartesiano

Torna sulla scena del jazz Henry Threadgill, con una musica singolare e problematica

Recensione
jazz
Comune di Rovereto Rovereto
31 Ottobre 2008
Scomparso dalla scena discografica, di raro ascolto dal vivo, Henry Threadgill è tornato in Italia per alcune date, tra cui questa al Mart di Rovereto, come fosse un’epifania, in un’atmosfera di culto. Ora il gruppo Zooid è ancora più essenziale, la sonorità inconfondibile, chitarra e chitarra basso acustici ma con un tocco di elettricità, e il solito basso tuba. I pezzi, su ritmi funky a varie velocità, a tratti espongono “temi” che si riducono a pochi intervalli astratti, privi di caratterizzazione psicologica, basati tutti su chorus brevi e sghembi, dalle armonie enigmatiche e malinconiche, spesso indecifrabili. Su questa griglia sempre uguale, che rende i pezzi quasi intercambiabili, prende vita una polifonia brulicante e dispersa: nel galleggiare danzante di detriti motivici sempre in contrappunto si intravede in filigrana una piramide sonora strutturata. Non somiglia a nessuna altra musica questa dell’ultimo Threadgill, eppure è vicinissima al primo jazz, alla polifonia di King Oliver e Freddie Keppard: pensiero lineare anziché armonico, ruoli prestabiliti, margini di variazione, l’assieme prevalente sul solismo. Le personalità dei singoli non sono decisive, anche se Stomu Takeishi e Liberty Ellman hanno una marcia in più, e Kavee alla batteria appare il più debole. A questa geometria vitale e frantumata Threadgill contribuisce ora al flauto, sempre denso e incisivo, ora al sax alto, ormai suonato per frasi smozzicate, taglienti, senza logica, con pause lunghissime, che però alzano la temperatura emotiva. Viene il sospetto che questa musica misteriosa e affascinante sia il frutto di un’involuzione, senza la varietà timbrica e l’articolazione narrativa che aveva in passato. Questione di punti di vista, che non ne mette in discussione l’irriducibile originalità. Stefano Zenni

Interpreti: Henry Threadgill: sax alto, flauto; Liberty Ellman: chitarra; Stomu Takeishi: chitarra basso acustica; Jose Davila: tuba, trombone; Elliot Kavee: batteria.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

De Beren Gieren, Young Mothers e il solo di John Surman a San Gaudenzio chiudono l'edizione 2018 di Novara Jazz

jazz

Per la prima volta in Italia il capolavoro Kiss me, Kate nell'edizione originale, recentemente ricostruita da Opera North

jazz

Il gruppo Pipe Dream di Hank Roberts e il trio Zenophilia di Zeno De Rossi per la chiusura di Correggio Jazz