Tra Shorter e Jacko

Wayne Shorter con il quartetto e Enrico Rava su Michael Jackson chiudono Pescara Jazz

Enrico Rava con una formazione del Parco della Musica Jazz Lab
Enrico Rava con una formazione del Parco della Musica Jazz Lab
Recensione
jazz
Pescara Jazz Pescara
15 Luglio 2012
La serata conclusiva di Pescara Jazz, che celebrava la quarantesima edizione, si è aperta con il venerato quartetto di Wayne Shorter. Apparso stanco e appesantito, il grande sassofonista (ottant’anni il prossimo anno), ha delegato per quasi metà del concerto la guida a Danilo Perez, mentre la musica ha stentato a decollare. Ma quando il vecchio leone ha imbracciato il soprano ha cominciato a circolare una nuova energia e, su una astratta fantasia intervallare intorno a “Witch Hunt”, l’intensità ha preso corpo nel gioco incessante di improvvisazione collettiva che rende così fresca la musica del gruppo. L’approccio asciutto del batterista Jorge Rossy, meno flamboyant del Brian Blade che andava a sostituire, ha tolto qualcosa al proverbiale intreccio poliritmico dei quattro ma ha forse aiutato Shorter a centellinare le energie in un breve set (circa 50 minuti) solo a tratti davvero convincente. A tanto impegno è seguito il divertissement di Enrico Rava su Michael Jackson, con un ensemble di tredici elementi dalla provenienza disparata. Un lavoro palesemente bicefalo: Rava ispiratore del progetto, ma poi arrangiamenti e leadership sul palco affidati a Mauro Ottolini. I classici di Jackson - da “Thriller” a “Bad”, da “Smooth Criminal” a un paio di titoli da [i]History[/i] - sono riletti col tipico gusto da bricoleur del trombonista, che infila ritmi reggae, passaggi dixieland, marce, dolcezze anni Trenta e soprattutto tanto vintage anni Novanta nei groove della ritmica e nel sound degli ottoni. Rava è primus inter pares, ma non tutti sono pienamente valorizzati (Giovanni Guidi è il più sacrificato). Rodando il repertorio in tour ne guadagneranno elasticità, partecipazione e una maggiore apertura della musica.

Interpreti: Wayne Shorter Quartet Wayne Shorter. Sax ten e sop; Danilo Perez, piano, John Patitucci, cb, Jorge Rossy, batt. Enrico Rava "We Want Michael": Enrico Rava, Claudio Corvini, Andrea Tofanelli, tr; Mauro Ottolini, trb e arr; Dan Kinzelman, sax ten e cl; Cristiano Arcelli, sax alto e fl; Marcello Giannini, chit, Franz Bazzani, tast; Giovanni Guidi, pf; Dario Deidda, basso el; Zeno De Rossi, batt; Ernesto Lopez Maturiel, perc.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

A Fano Jazz by the Sea di scena Andy Sheppard, Bill Frisell e Federica Michisanti, inaspettatamente sul main stage

jazz

La favolosa musica del sassofonista, con il progetto Five Elements alla Casa del Jazz di Roma, si accende solo a tratti

jazz

A Villa Arnò per Albinea Jazz, in provincia di Reggio Emilia, il trio di Dave Holland, Chris Potter e Zakir Hussain