Swinging Purcell

Esordio a Roma del nuovo concerto di Christine Pluhar e L'Arpeggiata

(foto Manuela Giusto)
(foto Manuela Giusto)
Recensione
classica
Accademia Filarmonica Romana Roma
20 Febbraio 2014
La magnifica ossessione dell'Orfeo Britannico ha ispirato Christine Pluhar, sempre alla ricerca di stravaganze e commistioni tra passato e presente, che dopo aver registrato alcune tra le più belle musiche di Henry Purcell, ha scelto Roma per il debutto del nuovo concerto. L'organico della versione live differisce parzialmente da quello del cd, di imminente uscita. Con il leggero impaccio di una prima, il compito di giocare con l'originale mondo musicale di Purcell, profondamente legato alla scena teatrale, è affidato interamente alle voci di Raquel Andueza e di Vincenzo Capezzuto. Preceduta dalla Ciaccona di Cazzati, Music for a While scandisce ed esalta il cuore pulsante dei grounds che attraversano dall'inizio alla fine tutto il concerto. Il contrabbasso rinforza l'accompagnamento della tiorba e dell'arciliuto, mentre clavicembalo, organo e cornetto entrano ed escono dai ruoli di accompagnatori per dialogare con le voci, o improvvisare ornamentando le splendide melodie del genio musicale britannico. La sua straordinaria sensibilità ritmica viene sottolineata dai differenti timbri percussivi, anche se estranei alla musica dell'epoca, e dall'interpretazione vocale. Gli sprazzi di swing jazzistico alludono alla modernità della sua musica, che viene spinta, a volte forse anche troppo, verso la sua implicita dimensione danzante. A tratti Capezzuto fa balenare un Purcell quasi antenato del musical, ma Andueza nei lamenti lo riporta al pathos barocco, mentre il cornetto di Sherwin canta. Il pubblico, riconoscente per la rara occasione di poter ascoltare musica antica nella Capitale, richiama tre volte sulla scena i musicisti che salutano con Halleluja di Leonard Cohen (la bonus track del nuovo cd).

Note: Accademia Filarmonica Romana Teatro Argentina

Interpreti: Raquel Andueza - soprano Vincenzo Capezzuto - alto Doron Sherwin - cornetto Eero Palviainen - arciliuto e chitarra barocca David Mayoral - percussioni Brice Soriano - contrabbasso Francesco Turrisi - clavicembalo e organo Haru Kitamika - clavicembalo e organo

Orchestra: Ensemble L'Arpeggiata

Direttore: Christina Pluhar

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Liegi: la Favorite in versione francese all'Opéra de Wallonie (ma cantano gli italiani)

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli