Savall alla corte dei Borgia

Successo al Festival Monteverdi

Recensione
classica
Festival Monteverdi Cremona
11 Maggio 2013
“Dinastia Borgia. Chiesa e potere nel Rinascimento” è l’affascinante progetto realizzato nel 2010 da Jordi Savall, alla guida della Capella Reial de Catalunya e Hespèrion XXI. Dopo due anni di tournée in giro per il mondo, la prima italiana arriva finalmente a Cremona al Festival Monteverdi, sabato 11 maggio al Ponchielli, e si conferma evento musicale dell’edizione 2013. Il progetto nasce in occasione del quinto centenario della nascita di Francesco Borgia, uno dei principali protagonisti della storia culturale, politica e religiosa nell’Europa del ‘500. Mettendo da parte miti e leggende sui Borgia – di cui spesso si ricordano solo le vicende di assassinii, intrighi, debolezze umane e depravazione - Savall ripercorre la storia della dinastia spagnola con approccio obiettivo, rimarcando la ricchezza del repertorio musicale fiorito negli ambienti dei mecenati, protettori di umanisti, in una società - dal Medioevo al Rinascimento – dove cultura ispanica, sefardita e araba, tradizioni e credo religiosi convivevano. E nella musica si fondevano indissolubilmente. Il concerto sintetizza il pluripremiato progetto discografico (coprodotto dal Comune di Gandia, Valencia, e l’etichetta Alia Vox dello stesso Savall) frutto di un lungo studio di Savall su fonti dell’epoca. Musiche bellissime di compositori ispanici (Mateo Flecha, Antonio de Guevara…) e europei (Josquin Desprez, Claude Goudimel, Binchois…). Carismatico Savall calibra la varietà delle scelte musicali. Sapiente equilibrio tra ensemble vocale e strumentale, musica sacra e profana. Massimo Popolizio recita con bravura e intensità drammatica testimonianze poetiche: potere temporale e spirituale. Chiuderà la lettura feroce e amara del bando del 1609 sull’espulsione dei moriscos dai regni ispanici da parte dei sovrani spagnoli.

Note: Festival Monteverdi, edizione 2013 3 – 26 maggio Cremona, teatro A. Ponchielli Sabato 11 maggio, ore 21.00 – Teatro A. Ponchielli "Dinastia Borgia. Chiesa e potere nel Rinascimento" La Capella Reial de Catalunya ; Hespèrion XXI Jordi Savall, direttore Massimo Popolizio, voce recitante Credits: Federico Zovadelli

Interpreti: La Capella Reial de Catalunya Adriana Fernández, soprano Pascal Bertin, David Sagastime, contratenore Lluís Vilamajó, Franscesc Garrigosa, tenore Furio Zanasi, baritono Daniele Carnovich, basso Massimo Popolizio, voce recitante Hespèrion XXI Jordi Savall, viola da gamba soprano Sergi Casademunt, viola da gamba tenor Imke David, Philippe Pierlot, viola da gamba bassa Xavier Díaz-Latorre, vihuela de mano e chitarra Andrew Lawrence-King, salterio, arpa doppia e arpa cruzada Jean-Pierre Canihac, cornetto Daniel Lassalle, sackbut Luca Guglielmi, organo di legno Pedro Estevan, percussione e campanas Jordi Savall, direttore

Orchestra: La Capella Reial de Catalunya ; Hespèrion XXI

Direttore: Jordi Savall

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Liegi: la Favorite in versione francese all'Opéra de Wallonie (ma cantano gli italiani)

classica

Roma: Herlitzka voce recitante e regista per un melologo da Lucrezio

classica

Brilla Enea Scala come Henri, nella versione francese dell'opera di Donizetti completata da Giorgio Battistelli