Salome sotto lo sguardo

Catania: Neuhold sul podio per Strauss

Recensione
classica
Teatro Massimo V. Bellini Catania
Richard Strauss
27 Maggio 2017
A Catania approda, dell’atto unico di Strauss, una riformulazione di un allestimento di Pizzi, ancor più asciugata rispetto alle prime edizioni: lo spazio si risolve in gradinate circolari concentriche, ruotanti attorno al pozzo di Jochanaan che è anche il centro di un occhio (voyeuristico, o sbarrato nella visione di un ‘oltre’ riflesso nel globo sospeso, destinato a sparire emblematicamente con l’ostensione della testa mozzata) o il vassoio che, nell’essenzialità rigorosissima degli elementi scenici, non compare. I segni sono comunque sempre efficaci ed eleganti, come per le armature-velo che prolungano in alcuni figuranti d’azione il tema della seduzione nell’intravedere. Perciò ci si concentra al meglio sulle prove interpretative, che sono state nel complesso – Orchestra del Teatro diretta da Guenther Neuhold compresa – di ottimo livello, anche dove il carattere vocale dei due cast ha declinato diversamente i personaggi: la Salome di Jolana Bubnik Fogasova è riuscita più sanguigna ed espressionista della ninfa adamantina e comunque volitiva disegnata da Cristina Baggio; l’Erode di Arnold Bezuyen più grottesco e inquieto del non meno plastico e solido Peter Svensson; lo Jochanaan di Sebastian Holecek potentemente scolpito e chiaroscurale del più ieratico profeta di Anton Keremidtchiev. Tutti, in ogni caso, hanno fatto benissimo, anche negli altri ruoli, dove Janice Baird è un’Erodiade granitica e magistrale, Michael Heim è un inappuntabile Narraboth, e una segnalazione speciale meritano ancora Sonia Fortunato (Paggio) e Roman Polisadov (Primo Soldato/Primo Nazareno).

Note: foto Giacomo Orlando

Interpreti: SALOME Jolana Bubnik Fogasova / Cristina Baggio ERODE Arnold Bezuyen / Peter Svensson JOCHANAAN Sebastian Holecek / Anton Keremidtchiev ERODIADE Janice Baird NARRABOTH Karl Michael Heim 1° EBREO Iurie Ciabanu 2° EBREO Enzo Peroni 3° EBREO Aldo Orsolini 4° EBREO Andi Früh 5° EBREO Alessandro Busi PAGGIO Sonia Fortunato 1° NAZARENO Roman Polisadov 2° NAZARENO Giovanni Monti 1°SOLDATO Roman Polisadov 2° SOLDATO Daniele Bartolini SCHIAVO Giovanni Monti UOMO CAPPADOCIA Alessandro Busi

Regia: Pier Luigi Pizzi; regista collaboratote: Massimo Gasparon

Scene: Pier Luigi Pizzi

Costumi: Pier Luigi Pizzi

Coreografo: Federico Ruiz

Orchestra: Orchestra del Teatro Massimo Bellini

Direttore: Günter Neuhold

Luci: Massimo Gasparon

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La prima volta del Fledermaus al Teatro alla Scala, con una produzione che non fa onore all'operetta di Johann Strauss

classica

Andrea Beth firma una regia di duro impatto emotivo per Il prigioniero di Dallapiccola e Das Gehege di Rihm

classica

Da Sogni d'inverno alla Patetica con l'orchestra del Teatro Mariinskij per il festival Russian Seasons