Ricordando Ronconi

“Semiramide” all'Opera di Firenze con Jessica Pratt

Recensione
classica
Teatro dell'Opera di Firenze
Gioachino Rossini
27 Settembre 2016
Genio Rossini! Uscirsene dai nodi tragici per eccellenza del teatro occidentale del regicidio e dell'incesto, dai gorghi di Edipo e Amleto, con quel gesto così aereo e stilizzato, “Giorno d'orrore e di contento” di Semiramide e Arsace ! Mentre si ammira ancora una volta la grandezza del compositore nel suo momento forse di maggior tensione verso la dimensione di una tragicità neoclassica quanto si voglia, ma comunque tragicità, davanti ai nostri occhi la celebre messinscena di Luca Ronconi per il San Carlo, qui ripresa da Marina Bianchi e Marie Lambert, ci mostra il ritegno di un ultimo Ronconi che si rifiuta di amministrare il teatro nella sua, come dire ?, materialità e forse banalità, ad esempio il far entrare in scena e muovere un coro (che qui è in buca), a favore di un teatro del deserto scenico e gestuale, popolato di allusioni (dai risorgenti dalle tombe dell'ultimo giorno di Luca Signorelli alle leopardiane mummie di Federico Ruysch), di specchi e di pedane semoventi, che d'acchito si ammira ma che poi lascia un certo senso di estraneità e ripetitività. Sul podio Antony Walker sostituisce con mestiere nella difficilissima bisogna l'annunciato Bruno Campanella, Jessica Pratt è davvero in forma nelle sue agilità sugli acuti e sovracuti lucenti e perfetti e infatti il suo “Bel raggio lusinghier” scatena l'applauso, ma ci sembra che le manchi quell'accento, colore e disposizione al tragico che dovrebbe essere tra gli ingredienti del personaggio, intensa e scenicamente simpatica Silvia Tro Santafé come Arsace, efficace l'Assur di Mirco Palazzi, ma forse il migliore è l'Idreno vocalmente impeccabile di Juan Francisco Gatell. Successo ottimo e repliche fino al 4 ottobre.

Note: Foto Simone Donati

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La prima volta del Fledermaus al Teatro alla Scala, con una produzione che non fa onore all'operetta di Johann Strauss

classica

Andrea Beth firma una regia di duro impatto emotivo per Il prigioniero di Dallapiccola e Das Gehege di Rihm

classica

Da Sogni d'inverno alla Patetica con l'orchestra del Teatro Mariinskij per il festival Russian Seasons