Nel baule di George

Enrico e Gabriele Pieranunzi con Gabriele Mirabassi in una serata omaggio a Gershwin

Foto di Federica Bressan
Foto di Federica Bressan
Recensione
jazz
Musiké Padova
23 Maggio 2017

La narrazione della musica statunitense del XX secolo ha sapientemente intersecato il repertorio di Gershwin alla Sala dei Giganti di Padova. Enrico Pieranunzi racconta con passione del baule che quando George Gershwin morì (a 38 anni) nel 1937, il fratello e paroliere Ira si trovò a ereditare. Solo dopo la morte di Ira, nel 1983, le numerose composizioni inedite di George Gershwin, stipate nel baule, cominciarono a essere divulgate. Fra queste troviamo “3/4 Blues”, occasione che Enrico Pieranunzi non si fa sfuggire per offrire il proprio personale e luminoso arrangiamento del brano per pianoforte, violino, suonato da Gabriele Pieranunzi, e clarinetto, con Gabriele Mirabassi. A ottant’anni dalla precoce morte di Gershwin, le oltre settecento composizioni che ci ha lasciato restano uno scrigno da cui trarre grande musica da arrangiare per ogni tipo di ensemble, come dimostra questo trio, cui in passato ha partecipato anche Alessandro Carbonare. A punteggiare concerto e bis sono tre delicate partiture per trio curate da Enrico Pieranunzi a partire dai tre preludi per pianoforte, gli stessi che il violinista Jascha Heifetz trascrisse e incise per la RCA nel 1965. Proprio alle trascrizioni di Heifetz (realizzate a metà degli anni Quaranta per la Decca) si affida la parte del programma in duo per violino e pianoforte basato su “Porgy and Bess”: le emozioni profonde di “My Man's Gone Now”, il groove di “It Ain't Necessarily So”. Sono il preludio ai brani che Gabriele Mirabassi e Enrico Pieranunzi riservano all’improvvisazione. Diceva recentemente Lee Konitz che il jazz è essenzialmente un buono standard e spazio per l’improvvisazione: il piano solo di Pieranunzi che rilegge “The Man I Love” e il dialogo con Mirabassi in “But Not for Me” ne sono esempi magistrali. Ad aprire e chiudere il concerto sono “An American in Paris” e “Rhapsody in Blue”, composizioni orchestrali che, nell’arrangiamento per questo ensemble ridotto non perdono alcuno smalto, mettendo in luce i nitidi timbri individuali, la capacità di giocare con le dinamiche di volume e l’intesa collettiva del trio.

Interpreti: Enrico Pieranunzi, piano; Gabriele Pieranunzi, violino; Gabriele Mirabassi, clarinetto.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Il Südtirol Jazz Festival va contro corrente rispetto agli altri festival italiani: nomi nuovi e diversi, jazz europeo, palchi anomali 

jazz

De Beren Gieren, Young Mothers e il solo di John Surman a San Gaudenzio chiudono l'edizione 2018 di Novara Jazz

jazz

Per la prima volta in Italia il capolavoro Kiss me, Kate nell'edizione originale, recentemente ricostruita da Opera North